UE: telefonate in roaming meno care

di Floriana Giambarresi

scritto il

Sono appena state tagliate le tariffe per telefonare, inviare SMS e navigare in Internet via roaming: lo ha deciso l'Ue. È una mini-rivoluzione.

Dall’1 luglio, telefonare, mandare SMS e navigare su Internet in Europa, in roaming internazionale, costa meno. La Commissione Europea ha infatti deciso di effettuare un taglio delle tariffe che, nel giro di tre anni, porterà a una vera e propria rivoluzione, nel tentativo di creare un mercato unico europeo all’interno del quale comunicare avrà costi minori e offrirà maggiori opportunità.

La Commissione Europea aveva annunciato la decisione di tagliare i costi delle comunicazioni in roaming internazionale nel mese di maggio, ovvero quando la stessa è stata approvata. I nuovi massimali tariffari per chi fruisce di un servizio mobile in un paese dell’Unione Europea sono nello specifico di 29 centesimi al minuto per effettuare una chiamata, 8 centesimi al minuto per ricevere una chiamata, 9 centesimi per inviare un messaggio di testo, 70 centesimi al megabyte per scaricare dati o consultare internet all’estero (addebitati per KB utilizzato). I prezzi sono da intendersi IVA esclusa.

Chiaro il risparmio per coloro che viaggiano in uno Stato Ue: fino a ora, con molti operatori telefonici, navigare su Internet in mobilità all’estero costava ben 4 euro per megabyte, mentre i nuovi prezzi imposti dalla Commissione europea tagliano la cifra di circa 6 volte. Entro il 2014, poi, giungerà un ulteriore taglio di prezzi che porterà il costo massimo del download di dati su dispositivi mobile ad appena 20 centesimi di euro per ogni megabyte scaricato. Sempre IVA esclusa. Si tratterà di un risparmio del ben 90% rispetto alle tariffe che erano in vigore fino agli scorsi giorni.

Inoltre, dal primo luglio 2012 le persone che viaggeranno al di fuori dell’Unione europea riceveranno un avvertimento tramite SMS, messaggio di posta elettronica o finestra pop-up utile a notificare quando la spesa si avvicinerà ai 50 euro o al limite personale di trasferimento dati. Per poter continuare ad utilizzare il roaming di dati, gli utenti dovranno in tal caso confermare che accettano di superare volontariamente questo limite.

Si dichiara soddisfatta per quanto appena introdotto Neelie Kroes, ovvero il commissario responsabile per l’Agenda Digitale: “L’introduzione di limiti tariffari per il trasferimento di dati rende accessibili i servizi di roaming alla generazione smartphone e mette fine una volta per tutte alle tariffe esorbitanti all’interno dell’Ue”.