confesercenti

Tutti gli articoli

Pensione anticipata con assegno ridotto e staffetta

Lavoratori propensi alla pensione anticipata con assegno ridotto, soprattutto se abbinato al part-time agevolato previsto dalla Legge di Stabilità o alla staffetta generazionale: sondaggio e proposta Confesercenti.

730 precompilato, partenza con dubbi e critiche

Il 75% dei contribuenti si rivolge a CAF e commercialista per il 730 precompilato, Confesercenti critica la responsabilità su imposta e sanzioni dei professionisti: il debutto del 730 precompilato.

Negozi a orario libero: un flop per le PMI

Confesercenti attacca la liberalizzazione degli orari dei negozi: non rilancia i consumi, aumenta il gap tra piccole attività e grande distribuzione, contribuisce ai fallimenti con conseguente disoccupazione.

Esodati del Commercio: la soluzione c’è

Lavoratrici con adesione alla rottamazione delle licenze commerciali per l’accesso alla pensione anticipata ma intrappolate dalla riforma Fornero: la denuncia Fipac Confesercenti e le soluzioni possibili.

Sisma Emilia: chiuse 8 imprese su 10

Confesercenti Modena rende nota la grave situazione in cui versano le imprese emiliane: l’80% non ha ripreso l’attività dopo il sisma, urge bando regionale.

Confesercenti: meno spese per Natale 2011

Confesercenti preannuncia un Natale 2011 all’insegna del risparmio. A farla da padrone saranno i settori legati agli alimentari e all’abbigliamento. Buono anche il settore tecnologico.

Assistenza alle Pmi da Equitalia e Confesercenti

Firmato un nuovo accordo quadro nazionale tra Equitalia e Confesercenti che mira a garantire assistenza e semplificazione alle Pmi. Si articolerà in specifiche convenzioni, da stipulare a livello locale

Pmi: Fare Impresa, nuova associazione di categoria

Per tutelare le Pmi italiane dei settori Industria e Manifatturiero, è stata costitutia “Fare Impresa”, nuova associazione di categoria volta a incrementare la competitività sui mercati internazionali

SOS Impresa: usura, 600mila vittime

L’usura è una delle piaghe italiane. Sono oltre 600mila le vittime, concentrate soprattutto in Campania, Sicilia e Lazio, per un giro d’affari è di 20 miliardi di euro. Indifferenza e paura impediscono la denuncia