Trasformazione digitale: PA in ritardo

di Redazione PMI.it

scritto il

Il Ministero esorta le PA in ritardo con la nomina dei Responsabili per la Transizione al Digitale.

Le Pubbliche Amministrazioni italiane devono obbligatoriamente nominare un Responsabile per la Transizione al Digitale (RTD), adeguandosi a quanto previsto dal Codice dell’amministrazione digitale. A richiamare l’attenzione sulle PA è il Ministero della Funzione Pubblica, che con una circolare ha sollecitato gli Enti pubblici a individuare al loro interno una figura chiamata a svolgere questo importante ruolo.

Affinché la trasformazione digitale della PA sia di supporto alla crescita digitale dell’Italia intera, è importante che si proceda con l’individuazione di una figura responsabile.

Con la presente Circolare, nella convinzione della centralità del ruolo del RTD ai fini della trasformazione digitale dell’amministrazione e del pieno adempimento delle norme in materia di innovazione della pubblica amministrazione, si richiamano le amministrazioni a provvedere, con ogni opportuna urgenza, alla individuazione del RTD preposto all’ufficio per la transizione al digitale e alla relativa registrazione sull’Indice delle pubbliche amministrazioni.

Come sottolineato nella circolare, i nominativi dei RTD devono essere successivamente comparire all’interno dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA), l’archivio ufficiale degli Enti pubblici e dei Gestori di pubblici servizi realizzato e gestito dall’Agenzia per l’Italia digitale.