Scuola, Microsoft dirige gli aggiornamenti

di Lorenzo Gennari

scritto il

L'Associazione nazionale dei dirigenti e delle alte professionalità della scuola ha siglato con Microsoft un protocollo d'intesa per l'aggiornamento dei propri iscritti alle novità introdotte da Internet e dalla società digitale

Ancora un volta Microsoft stringe la collaborazione con le scuole per sviluppare e fornire tecnologie e strumenti che possano aiutare gli insegnanti e gli studenti ad apprendere e comunicare senza vincoli di tempo e di spazio.

Questa volta, sarà l’associazione nazionale dei dirigenti e delle alte professionalità della scuola (Anp) a beneficiare dell’aiuto del partner tecnologico ormai punto di riferimento anche nel mondo scolastico. L’intesa è frutto di un precedente accordo tra ministero della pubblica istruzione e Microsoft e rientra nel programma “Partners in Learning” che si prefigge l’obiettivo di favorire l’accesso diffuso alla tecnologia e lo sviluppo di competenze didattiche del corpo docente grazie a una serie di iniziative in ambito informatico.

«Il 79 per cento dei minori naviga su internet e il 71 per cento di questi lo fa in solitudine – spiega Alessandro Paolucci, responsabile dell’area Education di Microsoft Italia – I bambini sono grandi fruitori di Internet, ma non hanno la percezione di alcuni potenziali rischi: è proprio per questo che la presenza di docenti e genitori con un adeguato livello di preparazione è essenziale, e il supporto dei dirigenti scolastici può dare un enorme contributo per individuare le soluzioni, le procedure e gli strumenti più adeguati in ogni circostanza».

Gli fa eco Giorgio Rembado, presidente di Anp: «Essere educati fin dall’infanzia a usare la tecnologia in modo corretto è un importante passo per migliorare la società di oggi e, proprio per questo, il ruolo di chi educa le nuove generazioni è cruciale».

Secondo Rembado, proprio i dirigenti scolastici, assieme a docenti e genitori, devono sostenere la crescita di “una nuova generazione digitale”: una schiera di giovani menti «cosciente dell’importanza della salvaguardia della proprietà intellettuale, consapevole delle potenzialità degli strumenti tecnologici e in grado di difendersi dai potenziali pericoli».

Il primo passo in questa direzione è stato compiuto alla fine dello scorso agosto, quando in 550 istituti scolastici è stato tenuto il seminario intitolato “Da oggi dirigente“, una iniziativa volta a illustrare ai responsabili dell’organizzazione degli istituti, nonché dell’educazione dei più giovani, l’uso corretto della tecnologia e la tutela della proprietà intellettuale.

Microsoft fornisce la tecnologia, gli strumenti e il supporto per aumentare le opportunità di apprendimento e garantire allo stesso tempo una sempre più stretta integrazione fra mondo della scuola e quella del lavoro fin dal 1995, anno in cui creò la “Connected Learning Community“.