Il world computer congress si terrà in Italia

di Lorenzo Gennari

scritto il

Ventesima edizione per il più importante appuntamento mondiale che riguarda l'ICT. Per la prima volta si terrà in Italia. La programmazione è già online

Si terrà a Milano, dal 7 al 10 settembre, il world computer congress, l’evento più importante per la comunità scientifica internazionale dell’ICT.

Studiosi e manager di 60 paesi faranno il punto su prospettive e impatti delle tecnologie digitali nella ricerca, nel business, nel lavoro, nello sport e nella vita di tutti giorni.

L’evento, promosso da Ifip, la federazione internazionale delle associazioni e delle comunità dell’informatica e organizzato ogni due anni, avrà luogo presso il centro congressi (MIC) della fiera di Milano.

Sarà un’occasione unica di dibattito e aggiornamento non solo sui temi più appassionanti della ricerca, ma anche sullo stato, l’impatto e le prospettive dell’ICT nel business, nel lavoro, nello sport e nella vita di tutti i giorni.

Sulla home page del congresso www.wcc2008.com è disponibile il programma completo dei convegni, delle sessioni tematiche e delle conferenze che avranno luogo durante i giorni della manifestazione.

Al confronto fra ricercatori e studiosi di tutto il mondo, si affiancheranno sessioni a tema che permetteranno ai più autorevoli esponenti delle Istituzioni e del mondo del lavoro e dell’impresa di presentare testimonianze, progetti ed esperienze al più ampio pubblico: dagli stessi ricercatori a educatori, divulgatori, operatori dei media e semplici appassionati.

«Questa edizione del word computer congress ha una valenza particolare ? ha commentato Giulio Occhini, presidente del comitato organizzativo e direttore generale di Aica, che in Italia rappresenta Ifip ? è la prima a integrare in un confronto scientifico di valore mondiale le testimonianze delle imprese e Istituzioni che in Italia, in Europa e nel mondo animano l’evoluzione alla società digitale. Offrirà stimoli a tutti coloro che guardano con interesse alle nuove sfide della società digitale».