WiMax, al via le prime offerte

di Lorenzo Gennari

scritto il

Linkem, operatore tra le aziende aggiudicatarie delle licenze WiMax per l'Italia, ha annunciato l'avvio della commercializzazione del servizio

Dopo il completamento dei test pilota, annunciati lo scorso giugno, Linkem accende le prime due reti realizzate.

Si parte in ottobre con la copertura progressiva di Lombardia e Puglia: le prime aree in cui sarà offerto il servizio saranno le province di Bari e Brescia ed entro la fine dell’anno la disponibilità del servizio sarà estesa anche alle province di Bergamo e Cremona, sino a raggiungere la maggior parte del territorio lombardo. Contemporaneamente si provvederà alla copertura di Veneto e Lazio.

L’offerta con cui dovranno confrontarsi tutti gli altri operatori telefonici è in linea con quella della banda larga fissa.

Infatti si tratta di tre tipologie di abbonamento a 20, 30 o 45 euro al mese, in base alla possibilità di effettuare chiamate voce verso i telefoni fissi e verso i telefoni mobili (attraverso il Voice over IP). Per quanto riguarda la velocità massima di navigazione si parla di 7Mb/s senza limiti di tempo e di traffico.

In più si ha la possibilità di navigare in Internet gratuitamente negli oltre 600 hotspot Wi-Fi Linkem dislocati in tutta Italia.

Chi attiverà l?abbonamento dovrà sostenere un costo una tantum di attivazione, di qualche decina di euro, diverso a seconda delle modalità di pagamento (pagherà di meno chi sceglierà l?accredito automatico).

Il numero di telefono sarà un numero nuovo. «All’inizio sarà solo così – spiega l’amministratore delegato di Linkem, Davide Rota – sarà però un numero geografico, ossia con un prefisso 030 a Brescia e 080 a Bari. Tra qualche mese ci daranno la possibilità di consentire agli utenti che vorranno staccarsi completamente da Telecom di portare sulla nostra rete WiMax il loro vecchio numero».