IDG: il cloud fa bene a qualsiasi azienda

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

IDG vede il cloud computing come un elemento sempre più importante per il business di aziende grandi e piccole. Occorre però un approccio olistico e globale al fine di ottenere risultati significativi.

L’indagine “Cloud adoption, benefits and strategy” condotta da IDG per conto di NetApp mostra come sempre più aziende scelgano il cloud per la crescita del proprio business; si accresce nel contempo la consapevolezza dell’importanza di un approccio concreto e meditato al cloud computing.

Il sondaggio, che ha coinvolto 113 membri del CIO Forum su Linkedin, fotografa una realtà di forte crescita per la “nuvola” all’interno di aziende sia grandi che piccole. I vantaggi maggiormente comprovati sono: maggiore flessibilità, riduzione dei costi, rapido provisioning di nuove applicazioni e servizi.

Ben l’86% del campione ha dichiarato di essere al lavoro per implementare o pianificare progetti di cloud computing, con ampie previsioni di risparmio. Ben il 37% degli intervistati ha inoltre dichiarato di aver riposto particolare importanza nelle strategie cloud a livello aziendale, anziché a livello di business unit o dipartimento, con conseguenti benefici a livello di efficienza, risparmio dei costi e servizi offerti.

Le aziende sarebbero quindi altamente interessate ad un «approccio concreto e meditato al cloud computing che comprenda modelli di cloud privato e pubblico in base alle necessità delle applicazioni e il supporto di partner competenti. È ormai evidente infatti che un’infrastruttura cloud mal progettata non può avere successo nel lungo termine».

«Una strategia cloud efficace permette di ridurre i costi, migliorare la flessibilità del business e assicurare una veloce risposta alle esigenze del business. Ma per ottenere risultati significativi è essenziale adottare un approccio olistico e globale, in grado di sfruttare al meglio le competenze sia dal lato IT sia dal lato business dell’azienda».