Chiusura Partita IVA: cosa cambia

di Noemi Ricci

scritto il

Partite IVA inattive di persone fisiche e società chiuse automaticamente dall'Agenzia delle Entrate senza sanzioni: le novità del pacchetto di semplificazioni fiscali.

Chiusura automatica per le partite IVA inattive di persone fisiche e società da almeno tre anni, senza necessità di dichiarazione di cessazione dell’attività. È quanto prevede il pacchetto di semplificazioni fiscali (art. 7-quater, c. 44 e 45 DL. 193/2016 convertito con modificazioni dalla L. 1 dicembre 2016, n. 225).

=> Partite IVA, i nuovi oneri fiscali 2017

Chiusura d’ufficio

L’Agenzia delle Entrate potrà quindi chiudere d’ufficio le partite IVA inutilizzare, ovvero facenti capo a soggetti che, sulla base dei dati e degli elementi in proprio possesso, risultino non aver esercitato attività d’impresa o attività artistiche o professionali per tre annualità consecutive o non sia stata presentata la dichiarazione IVA annuale. In sostanza la norma riguarda le attività di impresa o di arti e professioni o chi, obbligato a presentare la dichiarazione annuale IVA, non abbia adempiuto.

Per capire quali siano i criteri e le modalità di applicazione del nuovo regime è necessario attendere il relativo provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, con quale verranno altresì individuate apposite forme di comunicazione preventiva al contribuente.

=> Cessazione attività e indennizzo: guida per Partite IVA

Precedente normativa

Ricordiamo che l’art. 23, comma 22, del DL 98/2011 aveva già previsto la chiusura delle partite IVA inattive, ma era previsto un preventivo contraddittorio tra l’Agenzia delle Entrate e il contribuente interessato volto a comprendere l’effettiva inattività della partita IVA.

In caso di omessa presentazione della dichiarazione di cessazione senza valide motivazioni all’Agenzia, al contribuente veniva addebitata una sanzione compresa tra 500 e 2.000 euro, con successiva iscrizione a ruolo della sanzione a meno che il contribuente non provvedesse al pagamento entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione delle Entrate.

Nuove semplificazioni

Sanzioni ora abrogate con il pacchetto semplificazioni. L’Agenzia provvederà automaticamente a cancellare le partite IVA che le risultino inattive, pur inviando al contribuente una comunicazione preventiva su tale azione prima di procedere, così da dare modo di contestare la decisione dell’Agenzia e di comunicare le ragioni della mancata chiusura.