IMU 2013: nuove aliquote in 5mila Comuni

di Barbara Weisz

scritto il

Ufficiali le aliquote IMU 2013 nei Comuni, modificate in 5mila enti locali, ma non in tutti si pagherà la mini IMU di gennaio: il punto della situazione.

Per sapere se e quanto pagare di IMU, dal 9 dicembre fa fede la delibera pubblicata sul sito web del proprio Comune: le aliquote IMU 2013 sono ormai ufficiali, essendo scaduto il termine entro cui deliberare sull’applicazione dell’imposta sugli immobili. Per calcolare il saldo IMU di dicembre bisogna dunque informarsi su Internet: se non si trova nulla sul sito del proprio Comune, si può anche consultare l’elenco con tutte le delibere pubblicate sul sito del Governo, utili per chi è chiamato al saldo IMU 2013 (proprietari di prime case di lusso, seconde case, imprese) – senza sconti o esenzioni prima casa – entro il 16 dicembre, previa proroga dell’ultima ora (ipotesi non del tutto peregrina, visti i tempi di calcolo troppo ridotti tra delibere e scadenza).

Comuni con aliquota oltre 0,4%

Nei prossimi giorni sarà più facile fornire dati aggregati sul numero degli enti locali che hanno apportato cambiamenti alle aliquote IMU, ma fin d’ora qualche risultato emerge: secondo le tabelle del Ministero, 5mila Comuni hanno deliberato nuove aliquote 2013 rispetto al 2012 e in circa 2.500 enti le aliquote sulla prima casa sono sopra lo 0,4% standard (di conseguenza sarà dovuta la mini-IMU a gennaio). In alcuni casi i cambiamenti hanno riguardato solo le aliquote sulle seconde case o sugli immobili d’impresa,  in altri casi le aliquote 2012 poi confermate comportano comunque il pagamento del conguaglio IMU a gennaio 2014.

Esempi

Esempio classico, Roma. In assenza di una nuova delibera 2013, si pagano le stesse aliquote dell’anno scorso: 0,5% sulle prime case; 0,76% per negozi (C1), laboratori (C3), immobili delle Onlus, teatri e sale cinematografiche del centro; 1,06% per altri immobili. Chi versa il saldo a dicembre paga quanto nel 2012, ma le prime case graziate a giugno ora pagheranno la mini-IMu a Gennaio.  A Milano, invece, la nuova delibera c’è e comporta un aumento del saldo di dicembre (da 0,4% a 0,6%), con tanto di conguaglio a gennaio. Una breve panoramica delle aliquote 2013 milanesi: 0,87% per negozi e laboratori, 0,88% per immobili di associazioni e Onlus, 0,76% per gli immobili delle strat up, 0,65% per seconde case concesse in locazione, 1,06% per le altre tipologie di immobili.