IMU: graduatoria costi per imprese e professionisti

di Barbara Weisz

scritto il

Ufficiali i dati sul gettito IMU: 700mila imprese hanno versato in media oltre 9mila euro, ecco la graduatoria dei costi per tipologia di attività professionale e imprenditoriale.

Stangata IMU per imprenditori, liberi professionisti e PMI, i più tartassati dalla nuova tassa sugli immobili: la CGIA di Mestre ha fatto i calcoli e stilato la graduatoria in base alle cifre definitive fornite dal Ministero delle Finanze sul gettito 2012.

=>Scopri gli aumenti IMU per le imprese nel 2013

Classifica IMU per tipo d’ impresa

Ecco la classifica dell’importo medio versato dalle imprese per pagare l’IMU, costata in media il 154% in più rispetto all’ICI:

  1. Alberghi: 11mila 429 euro.
  2. Grande distribuzione:  7mila 325 euro.
  3. Industria: 5mila 786 euro.
  4. Piccoli imprenditori: 3mila 352 euro.
  5. Liberi professionisti: 1.835 euro.
  6. Commercianti: 894 euro.
  7. Artigiani: 700 euro.

Giuseppe Bortolussi (CGIA) sottolinea come in campagna elettorale ci siano molte proposte politiche di abolizione o riduzione dell’IMU sulla prima casa – “condivisibili in linea generale” – ma poche per quanto riguarda le imprese: c’è «il rischio di nuovi rincari IMU sulle attività produttive», uno «scenario che dobbiamo assolutamente scongiurare».

=> Ecco le proposte elettorali dei partiti sull’IMU

Il gettito IMU

Il Tesoro ha ufficializzato il gettito IMU 2012: 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 di acconto e 13,8 di saldo. Una cifra nettamente superiore (+1,2 mld) alle attese del governo (22,5 miliardi nel 2012, 23 mld nel 2013 e 23,3 mld nel 2014, in linea con le stime delle varie associazioni (UIL 23,2 mld, CGIA Mestre 24 mld).

Le aliquote comunali (rimodulate rispetto a quelle di base) hanno infatti prodotto un maggiore gettito di 3,8 miliardi (a pagare l’IMU sono stati in tutto 25,8 milioni di contribuenti).

=> Leggi i calcoli sul potere distributivo dell’IMU

Oltre un quarto del maggiore gettito nei Comuni  arrivano da cinque città: Roma, Milano, Torino, Genova, Napoli. Qui, l’importo medio dei versamenti va dai 917 euro di Roma ai 585 euro di Napoli.

IMU media più elevata: Comuni con insediamenti produttivi particolari (centrali idroelettriche, aeroporti, raffinerie, grandi impianti industriali) e Comuni a forte vocazione turistica, con un’ versamento medio di mille euro (qui ci sono gli alberghi). IMU media più bassa: inferiore ai 100 euro per lo più nei Comuni sotto i 5mila abitanti.

IMU imprese

Le imprese che hanno versato l’IMU sono poco più di 700mila con importo medio pari a 9mila 313 euro. Il gettito complessivo attribuibile alle imprese è superiore ai 6,5 miliardi.

Tendenzialmente, la quasi totalità dei versamenti IMU per abitazioni diverse dalla prima casa fino a 1800 euro sono attribuibili a persone fisiche, mentre sopra questa cifra si trova il 96,3% dell’IMU pagata dalle aziende.

IMU agricola

IMU sui terreni: gettito di 628 milioni di euro, versato da circa tre milioni di contribuenti, per oltre l’80% persone fisiche, importo medio 209 euro. Qui ci sono circa 600mila agricoltori professionali, individuati isolando tra i titolari di partita IVA coloro che svolgono attività economica agricola, che hanno pagato circa la metà del gettito complessivo sui terreni.

IMU aree fabbricabili: gettito di circa un miliardo, tassa versata da circa 1,5 milioni di contribuenti,  importo medio intorno a 680 euro. Il 53% del gettito è stato versato da contribuenti diversi dalle persone fisiche.

IMU sui fabbricati rurali e strumentali: gettito di 64 milioni di euro, tassa versata da poco meno di 300mila contribuenti, importo medio dei versamenti di circa 217 euro. Il 75% del gettito è stato versato da persone fisiche.

I Video di PMI

IMU: riduzioni ed esenzioni