Ecobonus: vantaggi per imprese a confronto

di Redazione PMI.it

scritto il

Ecobonus e Sisma Bonus spettano anche alle imprese a certe condizioni, a quelle edili offrono lavoro e liquidità: le regole e i vantaggi per le aziende.

Il Superbonus, introdotto dal DL Rilancio e prorogato dalla Legge di Bilancio 2021, rappresenta una delle più novità fiscali degli ultimi tempi. La detrazione fiscale maggiorata, prevista per determinati interventi di efficientamento energetico (Ecobonus) e di riduzione del rischio sismico, comporta indubbi vantaggi per le imprese del settore edile, la cui ripresa post Covid-19 viene in questo modo accelerata, sia per quelle che intendono fruire del bonus per ristrutturare gli immobili in proprio possesso.

=> Ecobonus 110%: elenco lavori trainanti

Ecobonus per imprese: platea a confronto

Mentre il Superbonus al 110% spetta per interventi su immobili residenziali e parti comuni di edifici, l’Ecobonus ordinario ed il Sisma Bonus semplice spettano anche ai titolari di reddito d’impresa, a prescindere dalla destinazione d’uso dell’immobile. Quindi non solo sugli immobili “beni relativi all’impresa” (articolo 65 del TUIR) o strumentali all’esercizio di arti o professioni (articolo 54, comma 2, del TUIR), ma anche per quelli merce o patrimonio, come chiarito dalla stessa Agenzia delle Entrate con la risoluzione n° 34/e 2020. L’obiettivo della norma è di perseguire le finalità di interesse pubblico al risparmio energetico.

Quindi, se la destinazione d’uso è slegata dall’attività d’impresa, possono beneficiare del Sisma Bonus e dell’Ecobonus anche i titolari di reddito d’impresa. Per richiedere invece il beneficio ordinario, i contribuenti con reddito d’impresa devono detenere l’immobile in quanto proprietari o nudi proprietari, titolari di un diritto reale di godimento, come usufrutto, uso, abitazione o superficie, o essere locatari o comodatari purché con il consenso del legittimo possessore.

Ecobonus per fornitori: i vantaggi per imprese edili

L’Ecobonus previsto dal decreto Rilancio prevede che, in caso di interventi legati all’efficientamento energetico e sismico delle abitazioni, si possa chiedere lo sconto in fattura (art. 121, DL 34/2020). Un meccanismo pensato per assicurare un pagamento sicuro alle imprese del settore edile per il lavoro svolto.

=> Bonus casa: detrazione, sconto e compensazione cumulabili

Con lo sconto in fattura, infatti, il cliente può arrivare ad ottenere i lavori quasi gratuitamente, mentre le imprese recuperano lo sconto sotto forma di credito d’imposta nei confronti dello Stato che può essere a sua volta ceduto al 100% (con liquidità diretta) alla banca o ad altri intermediari finanziari. Per banche e intermediari, usufruendo del credito fiscale al 110% il vantaggio è di guadagnare il 10% di margine dall’operazione, da dilazionare in cinque anni fino al 2021 e poi in quattro quote annuali dal 2022.

Nel caso in cui il fornitore non ceda il Superbonus, sarà lui a maturare un credito di imposta pari al 110% e a guadagnare il 10% di margine. Attenzione però:

  • il credito d’imposta ex. Art. 121, DL 34/2020, ovvero il surplus del 10% e il corrispettivo scontato, può essere fruito solo, utilizzando il modello F24, mediante compensazione orizzontale. Codice tributo “6908, Ecobonus – Recupero dello sconto praticato dal fornitore”;
  • il tutto in 5 quote annuali di pari importo.

=> La corretta gestione contabile dello sconto in fattura

In caso di immobile di proprietà dell’impresa di costruzioni, la stessa per fruire delle detrazioni fiscali spettanti non è obbligata ad eseguire i lavori direttamente, ma li può commissionare ad altre ditte, come specificato nell’interpello 213/2020.