Tratto dallo speciale:

Lavoro: contratti flessibili per 4/5 imprese italiane

di Noemi Ricci

scritto il

Quattro imprese su cinque (82%) in Italia offrono contratti o piani di lavoro flessibile, per ridurre i costi aumentando la produttività del personale... ma solo a senior e manager

In aumento contratti e forme di lavoro flessibile tra le imprese italiane. Secondo uno studio Regus, l’82% (4/5) delle aziende in Italia offre ai dipendenti condizioni di lavoro elastiche ricercando benefici reciproci (risparmio da un lato, conciliazione “vita-lavoro” dall’altro). Una tendenza ormai in linea con la media mondiale (81%).

Peccato che la fiducia delle imprese non premia tutti i dipendenti! La flessibilità è riservate a dirigenti e senior (1 impresa su 3), perdendo preziose opportunità e scoraggiando i giovani di talento.

Concedere flessibilità lavorativa per il bilanciamento carriera – vita privata favorisce il business perchè comporta costi minori e migliora la produttività.

In sostanza è il benessere e la soddisfazione dei dipendenti a portarli a produrre di più e meglio. La flessibilità porta anche a un taglio delle spese per il 58% delle imprese: migliora l’equilibrio vita – lavoro e quindi la soddisfazione e la motivazione dei dipendenti per 3 imprese su 4; aumenta la produttività del personale per 1 impresa su 2; aiuta ad adattarsi e affrontare la crescita per 1 impresa su 5; per un quinto aiuta ad attrarre e mantenere talenti, oltre a permettere di offrire lavoro a persone in località più remote.

Le aspettative per il futuro sono comunque di un sempre maggiore ricorso al lavoro flessibile. Il “posto fisso” sembra quindi destinato ad andare in disuso.

______________________

ARTICOLI CORRELATI:

I Video di PMI

Smart working: la normativa