Tecnologie d’impresa: da RIDITT, banca dati online per Pmi

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Una ricerca condotta da RIDITT ha permesso la realizzazione di una database online in grado di informare le Pmi sulle aree tecnologiche a maggior impatto per ogni settore industriale

Una ricerca promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico e condotta da RIDITT (Rete italiana per la diffusione dell’innovazione e il trasferimento tecnologico alle imprese) sul trasferimento tecnologico alle imprese, ha permesso di realizzare una banca dati online a consultazione libera, dove rintracciare le tecnologie utili all’innovazione industriale e già sviluppate presso Università e istituti di ricerca.

L’indagine ha seguito un approccio “application driven”, basato cioè sull’individuazione, per ogni specifico settore, di concrete applicazioni industriali innovative. Questo metodo è stato
preferito al più diffuso approccio “technology push”, che a partire da una data tecnologia identifica i potenziali settori di impatto.

I dati raccolti, hanno consentito la realizzazione di una matrice 18×10 basata sui diversi settori industriali e sulle diverse aree tecnologiche, la cui consultazione permette di ricavare importanti informazioni qualitative sulle aree tecnologiche a maggior impatto per ogni settore industriale considerato.

Lo strumento informativo è rivolto ai principali attori del Sistema Innovativo Nazionale e offre alle imprese spunti per avviare progetti mirati all’innovazione e al trasferimento tecnologico, oltre che dare ai sistemi di ricerca elementi per conoscere meglio la domanda da parte delle Pmi e ai policy maker un supporto per definire programmi di sostegno all’innovazione più vicini alle esigenze del sistema produttivo nazionale.

Il Programma RIDITT, lo ricordiamo, offre servizi di informazione, formazione e networking per favorire i collegamenti tra il sistema delle imprese e il mondo universitario e della ricerca. Più concretamente, propone il co-finanziamento di progetti innovativi nelle Pmi.

L’obiettivo è di creare uno strumento informativo in grado di far sapere alle Pmi “chi fa che cosa” nel panorama pubblico della ricerca. Se le piccole e medie imprese si affidassero alle Università per i propri progetti di ricerca, potrebbero risparmiare fino al 40% delle spese attraverso il credito di imposta.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!