Ammortizzatori sociali: al via il Reddito di Inclusione

di Noemi Ricci

scritto il

Via libera definitivo al Reddito di Inclusione, strumento unificato di contrasto alla povertà, in sostituzione di SIA, Carta Acquisti e ASDI.

Approvato in via definitiva dal Senato il testo del disegno di legge n. 2494, ovvero la Delega recante norme relative al contrasto della povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali. Il Ddl è stato approvato dall’Aula di Palazzo Madama con 138 sì, 71 no e 21 astenuti, perché diventi realtà è ora atteso il decreto attuativo che dovrà essere emanato dal Ministero del Lavoro, in tempi brevi secondo il ministro del Welfare, Giuliano Poletti.

Il Piano nazionale contro la povertà introduce il Reddito di Inclusione (ReI) che sostituirà l’attuale Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) di 400 euro al mese con un assegno che dovrebbe salire a 480 euro al mese.

=> Pensioni minime, SIA e quattordicesime in aumento

L’obiettivo del ReI è di assicurare a tutte le famiglie in situazione di povertà, ovvero con un reddito ISEE al di sotto di una certa soglia, un sostegno economico progressivo in proporzione al grado di povertà, a partire dei nuclei con bambini, con componenti con disabilità grave, donne in stato di gravidanza, disoccupati di età superiore a 55 anni.

L’erogazione del Reddito di Inclusione sarà subordinata all’adesione a un progetto personalizzato di inclusione e ad un periodo minimo di residenza in Italia.

L’importo esatto e le modalità di pagamento verranno definite dal decreto attuativo. Si prevede comunque una durata limitata per l’erogazione dell’assegno, rinnovabile previa verifica della sussistenza dei requisiti richiesti, ai fini del completamento o della ridefinizione del percorso previsto dal progetto personalizzato.

Dovranno essere inoltre definite le cause di sospensione e decadenza del ReI.

Il ReI rappresenterà la misura unica in Italia di contrasto alla povertà e assorbirà, oltre al SIA, la Carta Acquisti ordinaria (solo per le fasce di popolazione interessate dalla nuova misura) e probabilmente l’ASDI, il sussidio di disoccupazione introdotto in via sperimentale dal Jobs Act per i lavoratori che hanno terminato di percepire la NASpI ma che restano in condizioni di bisogno.

=> Ammortizzatori sociali: novità 2017

Viene inoltre rafforzato il coordinamento degli interventi in materia di servizi sociali, con un organismo nazionale presieduto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali che garantisca livelli di assistenza e prestazioni omogenei su tutto il territorio italiano. Per perseguire tale obiettivo l’organismo si consulterà periodicamente e potrà costituire gruppi di lavoro con le parti sociali e gli organismi rappresentativi degli enti del Terzo settore al fine di valutare l’attuazione delle disposizioni della Delega e valutare nuove proposte in materia di contrasto della povertà.

.