Tratto dallo speciale:

Partite IVA: boom nel Commercio, Professioni ed Edilizia

di Barbara Weisz

scritto il

Crescita a due cifre per le nuove Partite IVA fra i giovani e le donne in attesa degli effetti della Riforma del Lavoro: settori a maggior densità di autonomi sono Commercio, Professioni ed Edilizia.

Ad aprire partita IVA in Italia sono soprattutto i giovani e le donne, guarda caso le due categorie che di più patiscono la morsa della disoccupazione: soprattutto nel 2012, sono state le più dinamiche sul fronte del lavoro autonomo.

=>Leggi i dati 2012 sul boom di Partite IVA

In termini di età, la crescita tra gli under 35 è stata del 12%, mentre per quanto riguarda il genere, quello femminile ha segnato + 7%, con un picco di oltre il 10% per le donne sotto i 35 anni.

La Riforma Fornero non ha infatti ancora prodotto i suoi effetti sulle Partite IVA:  la norma lascia tempo alle aziende fino al luglio 2013 per adeguarsi alla stretta prevista (che impone di trasformare i contratti di  consulenza in collaborazioni a progetto o assunzioni a tempo indeterminato al verificarsi di presupposti di lavoro subordinato.

=> Leggi come si applica la Riforma del Lavoro alle Partite IVA

Le nuove Partite IVA

Secondo la rielaborazione della Cgia di Mestre, si tratta prevalentemente di nuovi autonomi che lavorano per un solo committente, visto che, come ha spiegato Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre, il boom di iscrizioni ha interessato soprattutto agenti e intermediari del Commercio all’ingrosso, liberi professionisti ed il settore Edilizia.

  • Commercio: 51mila 721 (40% del totale), oltre la metà delle persone fisiche, il 24,4% dei giovani che hanno aperto Partita IVA,
  • Libere professioni, 45mila 654, (55% del settore), oltre il 60% delle persone fisiche, il 21,5% dei giovani che hanno aperto Partita IVA,
  • Costruzioni, 20mila 298, (37% del totale), il 46% delle persone fisiche, il 9,6% dei giovani che hanno aperto Partita IVA.

=>Scopri quanto ha inciso il nuovo regime dei minimi sulle nuove partite IVA

Si tratta di settori che già negli anni passati avevano un alto numero di partite Iva (soprattutto i primi due), e quindi non registrano la più alta variazione percentuale, che spetta invece a istruzione (+56%), fornitura di energia e gas (+43%), trasporto e magazzinaggio (+30,9%).