Tratto dallo speciale:

Cedolino pensione di novembre online con Bonus 150 euro e rivalutazione

di Noemi Ricci

Pubblicato 24 Ottobre 2022
Aggiornato 25 Ottobre 2022 12:48

Online il cedolino pensione di novembre 2022 per pensionati INPS ed ex INPDAP: c'è anche il Bonus 150 euro e la rivalutazione dell'assegno.

È disponibile per la consultazione online il cedolino pensione di novembre 2022, che presenta alcune novità in termini di importi, per effetto di quanto disposto dal Decreto Aiuti Bis (DL n. 115/2022). Si tratta dell’anticipo della rivalutazione 2023 e del Bonus 150 euro (DL Aiuti Ter).

Vediamo in dettaglio tutte le voci e gli importi del rateo pensione INPS ed ex INPDAP per la mensilità di novembre 2022.

Cedolino pensione novembre con Bonus 150 euro

Previsto dal Decreto Aiuti Ter, il Bonus di 150 euro approda nel cedolino di novembre per le pensioni i cui titolari abbiano conseguito nell’anno 2021, un reddito imponibile inferiore a 20.000 euro (senza considerare la casa di abitazione e la pertinenza, l’eventuale trattamento di fine rapporto o di fine servizio e gli arretrati soggetti alla tassazione separata).

A chi spetta

L’indennità una tantum da 150 euro spetta ai pensionati INPS, Ex INPDAP, percettori di pensioni di reversibilità o ai superstiti, invalidi civili parziali e totali e ai titolari dell’indennità di accompagnamento. Per ricevere il Bonus non bisogna presentare alcuna domanda, perché viene erogato in automatico dall’INPS a coloro i quali hanno avuto la decorrenza della pensione entro il 1° ottobre 2022.

=> Calcolo decorrenza pensione

Gli aumenti del cedolino pensione di novembre

Nel cedolino di novembre trovano posto gli aumenti previsti nell’ultimo trimestre dell’anno per far fronte al caro bollette e alla morsa dell’inflazione.

Anticipo sulla rivalutazione

In caso di pensione non superiore a 2.692 euro mensili (35mila euro lordi annui), nel cedolino di novembre 2022 – come avvenuto a ottobre e come avverrà a dicembre ed anche  anche per la tredicesima – sarà presente un acconto del 2% sulla rivalutazione che sarebbe spettata a partire dal 1° gennaio 2023, con importi che vanno dai 10 ai 52 euro al mese. Sul cedolino è presente una specifica voce che identifica l’aumento: “Incremento D.L. Aiuti bis”.

Conguaglio arretrati IRPEF

Nel cedolino viene inoltre accreditato il conguaglio per gli arretrati spettanti per gli altri mesi del 2022.

In generale l’importo della pensione ha subito nel corso del 2022 altre modifiche, introdotte dalla Legge di Bilancio, derivanti dall’introduzione delle nuove detrazioni per i redditi da pensione e dalla riforma degli scaglioni IRPEF, che ha ridotto le aliquote a quattro:

  • 23% per redditi fino a 15mila euro;
  • 25% tra 15 mila e 28mila euro;
  • 35% tra 28 mila e 50mila euro;
  • 43% per la quota di reddito eccedente i 50mila euro.

La riforma ha anche modificato il sistema di calcolo ed aumentato gli importi della detrazione, innalzando infine il tetto (no tax area) al di sotto del quale i pensionati non pagano tasse (reddito lordo fino a 8500 euro lordi annui).