Retribuzioni e contributi per lavoratori all’estero: i minimali 2022

di Redazione PMI.it

scritto il

Aggiornate le retribuzioni convenzionali per i lavoratori all'estero nel 2022: in Gazzetta Ufficiale le tabelle del Ministero del Lavoro.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto con le nuove fasce di retribuzione per i datori di lavoro italiani con dipendenti che operano in paesi esteri non convenzionati con l’Italia: le tabelle allegate al provvedimento servono a quantificare i contributi INPS da versare, in base ai nuovi minimali (le regolarizzazioni sono consentite fino al 16 aprile).

=> Lavoro all'estero e pensione: dove versare i contributi

Le nuove fasce si riferiscono ai lavoratori operanti in paesi extracomunitari con i quali non sono in vigore accordi di sicurezza sociale e fungono da base di calcolo anche per la liquidazione delle prestazioni pensionistiche, delle indennità di malattia e maternità e del trattamento di disoccupazione per lavoratori rimpatriati.

L’importo finale è dato dal confronto tra i minimali convenzionali e la fascia di retribuzione nazionale (prevista dal CCNL più gli emolumenti riconosciuti in base ad accordi tra le parti, esclusa l’indennità per lavoro estero) per ciascuna qualifica (operai, impiegati, dirigenti) e per settore di attività.

Le tabelle con retribuzioni convenzionali sono allegate al DM Lavoro 23 dicembre 2021, pubblicato in G.U. n.13 del 18 gennaio 2022.