Tratto dallo speciale:

L’innovazione nelle PMI al tempo della crisi

di Barbara Weisz

scritto il

Si dice spesso che le imprese italiane, PMI in testa, non si distinguono per un elevato grado di innovazione: eppure, in questi anni di crisi, sono proprio le PMI ad avere dimostrato una maggior propensione all’innovazione, rispetto alle realtà  di medie o grandi dimensioni. Intendiamoci, il grado di innovazione è più alto nelle medie o grandi aziende. Ma nelle PMI è cresciuto, negli ultimi anni, a un ritmo maggiore. Lo rileva lo studio dedicato alla “Propensione all’innovazione delle piccole e medie imprese italiane” di Rete Imprese Italia.

=> Leggi perché nell’innovazione il Made in Italy non brilla in Europa

I dati precisi: la quota di imprese con attività  innovative (di prodotto o di processo) nel biennio 2008-2010 è stato pari al 31,3% nelle PMI sotto i 50 dipendenti, contro il 49,7% delle medie aziende (50-249 addetti) e il 66,1% delle granzi aziende. Dunque, come detto l’incidenza dell’innovazione resta più alta con il crescere delle dimensioni aziendali.

Ma è l’andamento nel corso negli anni a far emergere un’inversa tendenza: nelle PMI la quota di imprese con attività  innovative rispetto al biennio precedente (2006-2008) è cresciuta dello 0,7%, mentre è diminuita fra le medie, -2,7%, e le grandi aziende, -1,4%.

E’ interessante notare come questo sia successo in anni caratterizzati dalla crisi.

=> Approfondisci il gap italiano dell’innovazione secondo la Banca d’Italia

Fra le PMI, le più innovative sono le aziende dell’industria, +2,1%, ma si segnala una crescita anche nei servizi, +0,7%, mentre è decisamete negativo il trend nelle costruzioni, -4,6%.

Un elemento che spesso differenzia le piccole imprese da quelle di maggiori dimensioni è il fatto che tendono a polarizzare le innovazioni adottate, che si concentrano o nel prodotto/servizio (cosa che avviene più spesso) o nel processo, mentre le grandi aziende hanno una maggior propensione a integrare le due forme di innovazione.

L’innovazione rende: sempre nelle PMI, il fatturato imputabile a nuovi prodotti è pari al 38% ed è più che raddopitao rispetto al biennio precedente. L’incidenza è di circa 15 punti superiore a quella registrata nelle medie o grandi aziende.

Sull’altro piatto della bilancia bisogna mettere i costi: le PMI innovatrici sostengono una spesa per addetto pari a 8150 euro, più elevata rispetto alle medie aziende, a quota 7mila321 (differenza di circa 800 euro) e alle grandi, 7mila 660 euro (differenza di circa 500 euro).

Infine, le politiche pubbliche a favore dell’innovazione: in generale i contributi che arrivano dalle amministrazioni locali tendono a privilegiare le PMI, mentre quelli nazionali vanno più spesso alle grandi aziende. Abbastanza equilibrata la distribuzione dei sussidi Ue.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso