Aumentare le vendite: professionisti al servizio delle imprese

di LavoroImpresa

scritto il

La massimizzazione delle vendite per le aziende è ormai divenuto un must. Per questo è importante creare una solida ed efficace rete di vendita che rappresenta l'insieme di strutture umane e di materiali impiegati per diffondere la merce trattata. In base all'organizzazione aziendale questa può essere attivata con personale dipendente o con collaboratori esterni. E' su questi ultimi che vogliamo focalizzare l'attenzione.

Perché scegliere intermediari? Perché in questo modo l'azienda raggiunge un elevato grado di flessibilità  e di elasticità  che le permette di adeguare la rete di vendita alle necessità  del mercato. Ma non è solo questo. Con gli intermediari esterni, infatti, si riesce a raggiungere l'intero territorio nazionale pur avendo una sede legale piuttosto decentrata, si ha la possibilità  di interrompere in qualsiasi momento il rapporto con gli intermediari meno efficienti, si riducono i costi per investire nel settore commerciale.

Mediatori
Sono professionisti che mettono in relazione due o più parti al fine di concludere un affare. Non sono legati né al venditore né al compratore da rapporti di collaborazione, dipendenza o rappresentanza. La loro attività  consiste nella ricerca della controparte disposta a concludere l'affare con l'operatore che gli ha conferito l'incarico. Per esercitare la professione di mediatore occorre essere iscritti alla C.C.I.A.A.

Agenti di commercio
Gli agenti di commercio assumono stabilmente l'incarico di promuovere la conclusione di contratti per la casa mandante in una specifica zona da quest’ultima assegnata. In pratica l'agente dovrà  procurare contratti alla casa mandante la quale valuterà  se concluderli o meno. L'ordine, quindi, è accettato salvo approvazione della casa.

Rappresentanti di commercio
Agiscono in nome e per conto dell'azienda proponente. I contratti stipulati dai rappresentanti si considerano conclusi direttamente dalla casa madre.

Procacciatori d'affari
Promuovono, in maniera occasionale, la conclusione di contratti. Non vi è, quindi, stabilità  né limiti all'operatività . Solitamente il rapporto è caratterizzato da un mandato specifico che non vincola né l'impresa né l'intermediario.