Microsoft 2008-2009: tanta attenzione per le Pmi

di Antonio Piazzolla

scritto il

A chiusura dell’anno, Microsoft ha concluso in bellezza il suo programma di iniziative a sostegno delle Pmi – da tempo, la società  non nasconde il suo interesse per il mondo delle piccole e medie imprese e dei servizi IT ad esse riservati, consapevole delle grandi potenzialità  che questo crescente segmento di mercato porta con sè – presentando il nuovo progetto Destinazione Impres@.

Come molti avranno avuto già  modo di approfondire, si tratta di un’iniziativa studiata per favorire, attraverso un’insieme di strumenti e risorse, l’innovazione nelle Pmi.

Microsoft, con questa iniziativa, si pone l’obiettivo di mostrare agli imprenditori i vantaggi che le nuove tecnologie offrono. Sul sito dedicato all’iniziativa c’è anche un ebook composto da otto sezioni, una per ogni esigenza aziendale.

Destinazione impres@Destinazione Impres@ si compone di quattro aree che insieme dovrebbero favorire, secondo le stime di Microsoft, lo sviluppo delle imprese: Accesso al credito, aggiornamento, imprenditorialità , competenze per la società  della conoscenza.

L’accesso al credito, studiato da Microsoft si compone di due strumenti: Microsoft financing e Innovazione e finanziamenti. Il primo prevede l’aiuto di Microsoft, attraverso la filiale italiana, a investire in tecnologia offrendo piani di finanziamento a condizioni particolarmente vantaggiose, il pagamento può essere dilazionato tra i 24 e 60 mesi, inoltre Microsoft aiuta le aziende ad accedere ai fondi pubblici messi a disposizione dalla Comunità  europea.

Aggiornamento: Microsoft ha realizzato due iniziative, Bussola d’impresa e Check up sicurezza, dedicate alle Pmi per valutare i rischi che si corrono in ambito informatico.

Imprenditorialità : Microsoft, attraverso il programma BizSpark, punta ad accrescere lo spirito imprenditoriale dei giovani organizzando una serie di incontri con le Università  italiane.

Competenze per la società  della conoscenza: Microsoft, attraverso un iniziativa chiamata Students to business, mira a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro dei neolaureati.