Creare una tabella Pivot in Microsoft Office Excel 2007

di Giulio Vito de Musso

scritto il

Le tabelle pivot sono particolari tabelle che permettono di organizzare i dati in maniera più intelligente. Con una tabella pivot possiamo filtrare i dati o cambiare la prospettiva dalla quale vediamo la tabella stessa.

Ad esempio, con una tabella pivot potremo organizzare i dati per conoscere il numero di elementi di un determinato prodotto in un determinato magazzino. Oppure potremo confrontare due distribuzioni di dati semplicemente sostituendo l’origine dei dati.

Le fonti di dati di una tabella pivot sono quattro campi:

  • campi di riga;
  • campi di colonna;
  • campi di dati: sono i dati (solitamente numerici) che risultano dall’intersezione tra i campi colonna e i campi riga;
  • campi di pagina: permettono di filtrare i dati secondo ulteriori criteri.

Questi campi ci permettono di effettuare sofisticate selezioni dei dati in base a criteri specifici. Excel 2007 (come i predecessori) permette di aggiungere una tabella pivot in maniera semplice e veloce. Per creare una tabella pivot bisogna disporre di almeno due colonne di dati aventi un’intestazione.

Per aggiungere una tabella pivot clicchiamo nella scheda “Inserisci” la voce “Tabella pivot” (come mostrato in figura). Comparirà una finestra per la personalizzazione della tabella.

Per prima cosa selezioniamo l’origine dei dati. Se i dati sono residenti nel file aperto selezioniamo le colonne e le righe che vogliamo che facciano parte della tabella pivot. Se i dati provengono da una fonte esterna (un altro file Excel o un database) clicchiamo l’opzione “Origine dati esterna” e cerchiamo l’origine dei dati su disco.

Tabella pivot

Successivamente scegliamo la collocazione della tabella pivot (su un nuovo foglio di lavoro o su un foglio esistente).

Dopo aver confermato le opzioni comparirà la tabella pivot vuota. Sul pannello di destra avremo le intestazioni dei dati scelti. Per poter creare il report voluto trasciniamo le intestazioni nei campi della tabella pivot.

Dopo aver valorizzato la tabella possiamo anche escludere determinate informazioni mediante i filtri. Per far ciò clicchiamo sui triangoli che compaiono accanto ai nomi dei campi della tabella pivot e nel menu a tendina che compare selezioniamo solo i dati che ci interessano.

La tabella pivot è molto comoda quando si vogliono visionare i dati da più prospettive in quanto permette di spostare in maniera semplificata i campi. Inoltre è possibile anche escludere parte dei dati dai campi di pagina, facendo concentrare l’attenzione solo sui dati d’interesse.

I Video di PMI

Quota 100: regole, pro e contro