Tratto dallo speciale:

Assunzioni agevolate di giovani: Click Day INPS

di Barbara Weisz

scritto il

Click Day INPS per aziende che assumono giovani under 30 con gli incentivi del Dl Lavoro: moduli online e istruzioni per inviare le domande dal primo ottobre.

Le aziende che intendono godere delle agevolazioni previste dal Decreto Lavoro per l’assunzione di giovani, possono presentare domanda online dal primo ottobre utilizzando la piattaforma INPS: disponibile un incentivo economico fino a esaurimento fondi (previste circa 100mila assunzioni). Online i moduli da compilare, completi di istruzioni.

Requisiti incentivo

I datori di lavoro possono fare domanda di contributo per l’assunzione di giovani (sotto i 30 anni e con determinati requisiti) effettuate dal 7 agosto al 30 giugno 2015. L’incentivo, di cui all’articolo 1 del DL 76/2013 (convertito con modificazioni dalla legge 99/2013) è pari a 1/3 della retribuzione fino a un massimo di 650 euro al mese, per 18 mesi nel caso di nuove assunzioni e per 12 mesi per la trasformazione a tempo indeterminato di un contratto a termine. Le risorse sono pari a 794 milioni di euro (di cui 500 vanno nel Mezzogiorno). Per il 2013 il plafond è pari a 148 mln (100 mln al Sud).

Domanda online

A partire dalle ore 15:00 dell’1 ottobre 2013, l’azienda può inoltrare domanda di ammissione al beneficio, compilando il primo modulo “76-2013-prenotazione“, disponibile dall’applicazione “DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente”,  raggiungibile con il seguente percorso: servizi on line”, “per tipologia di utente”, “aziende, consulenti e professionisti”, “servizi per le aziende e consulenti” (autenticazione con codice fiscale e PIN), “dichiarazioni di responsabilità del contribuente”. Bisogna poi completare la prenotazione compilando il secondo modulo “76-2013 – conferma visualizzabile dalla prenotazione da confermare.

Attenzione: prenotazione e conferma devono contenere gli stessi dati e la domanda deve essere associata a una comunicazione Unilav/Unisomm coerente (fanno fede i valori inseriti nell’Unilav/ Unisomm, con cui è stato comunicato il rapporto per cui si intende confermare il beneficio prenotato). In particolare, devono corrispondere:

  • codice fiscale del lavoratore,
  • codice fiscale del datore di lavoro (con cui è identificato negli archivi INPS),
  • evento per cui si chiedono i benefici (assunzione o trasformazione contratto),
  • data di decorrenza evento, se indicata nella prenotazione.

Le istanze sono elaborate e accolte il giorno successivo all’invio. Se la domanda viene rigettata per carenza di fondi resta valida per 30 giorni con priorità di prenotazione in base alla data dell’invio: se entro questo termine si liberano risorse viene automaticamente accolta (controllare ogni giorno lo stato dell’istanza anche dopo il rigetto!), diversamente perde efficacia ed è necessario presentarne una nuova qualora si riaprissero i termini (i dettagli nella Circolare INPS n.138 del 27 settembre 2013).

Esito istanza

  • Aperta: prenotazione inviata ma non ancora elaborata dai sistemi Inps.
  • Accolta: prenotazione elaborata e accolta per disponibilità dei fondi.
  • Rifiutata preliminare: prenotazione rifiutata per mancanza di fondi ma in lista di attesa per 30 giorni.
  • Rifiutata definitiva: prenotazione “rifiutata preliminare” scaduti i 3o giorni.
  • Scaduta: prenotazione accolta ma non seguita da conferma dell’interessato.
  • Annullata: prenotazione annullata dall’interessato (possibile solo se “Aperta” o “Rifiutata Preliminare”).
  • Confermata: prenotazione accolta e seguita da domanda definitiva.

Informazioni

Dall’applicazione “Di.Res.Co” è possibile consultare la consistenza dei fondi disponibili per Regione o Provincia autonoma, con aggiornamento quotidianano in base alle istanze accolte, confermate o scadute. Per qualsiasi richiesta o segnalazione su questioni giuridico-amministrative o tecnico-informatiche, è possibile rivolgersi all’indirizzo email incentivigiovanidecreto76.2013@inps.it. Per problemi su specifiche posizioni contributive, l’interessato è invitato a contattare la Sede INPS competente, avvalendosi della funzionalità contatti del Cassetto previdenziale delle aziende (=>scopri tutte le assunzioni agevolate).