Coworking: incentivi per spazi certificati a Milano

di Teresa Barone

scritto il

Incentivi ai coworkers che occuperanno i 30 spazi qualificati presenti nell’elenco promosso dalla CCIAA e dal Comune di Milano.

Ammonta a 30 il numero degli spazi destinati al coworking “certificati” dal Comune e dalla Camera di Commercio di Milano, siti qualificati perché in grado di ospitare oltre 10 postazioni di lavoro offrendo tutti i servizi necessari per lo svolgimento dell’attività professionale.

=>Leggi: incentivi al coworking in Lombardia

La nascita dell’elenco degli spazi certificati di coworking è solo parte del progetto promosso nel capoluogo lombardo dall’amministrazione comunale e dalla CCIAA, che insieme hanno stanziato 300mila euro per incentivare proprio i coworkers a rendere operativi questi siti.

Attraverso queste risorse, infatti, ciascun coworker potrà beneficiare di un contributo pari al 50% delle spese sostenute nell’arco di 12 mesi, fino a un massimo di 1500 euro.

=> Lavoro: il Coworking si racconta alle PMI

Ecco obiettivi e vantaggi del progetto illustrati dall’assessore alle Politiche del Lavoro Cristina Tajani:

«Grazie a questa iniziativa sperimentale vogliamo sostenere una forma di organizzazione del lavoro che si sta progressivamente affermando a Milano, come in altre aree metropolitane europee, e che risulta particolarmente apprezzata dai giovani e dai professionisti interessati a sviluppare network, sia di progettazione che di impresa. Ogni spazio si contraddistingue per uno stile e vocazione in grado di favorire l’incontro tra professionisti, le sinergie e la nascita di nuove progettualità, pur nell’autonomia professionale di ogni singolo coworker, incentivato ad utilizzare strutture già esistenti e attive sul territorio cittadino.»

Maggiori informazioni sugli incentivi sono pubblicati sul sito del Comune di Milano

=> Leggi tutte le news per le PMI della Lombardia

I Video di PMI