Regime fiscale speciale per gli impatriati

di Redazione PMI.it

scritto il

Le indicazioni dell'Agenzia delle Entrate sulle modalità di richiesta ai fini del riconoscimento dei benefici fiscali connessi al rientro in Italia di lavoratori, autonomi ed imprenditori.

Con il Provvedimento n. 46244/2016 l’Agenzia delle Entrate ha fornito istruzioni per esercitare l’opzione ai fini dell’applicazione del regime previsto per i cosiddetti “lavoratori impatriati” (art. 16 del decreto legislativo n. 147/2015) da parte dei soggetti destinatari dei benefici fiscali connessi al rientro in Italia (legge n. 238/2010).

=> Delega fiscale: internazionalizzazione e fuga cervelli

Impatriati

Gli impatriati sono quei lavoratori che sono tornati in Italia e che, se lo hanno fatto entro il 31 dicembre 2015, possono beneficiare degli incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia dalla legge n. 238/2010. In alternativa è possibile optare per il nuovo regime fiscale speciale destinato ai lavoratori “impatriati”, previsto dal Dlgs n. 147/2015.

Beneficio fiscale

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate riguarda la modalità di esercizio di quest’ultima opzione che consiste nel far concorrere alla formazione del reddito complessivo soltanto il 70% del reddito stesso.

Richiesta

Per usufruire dell’agevolazione i dipendenti devono presentare un’apposita richiesta scritta al proprio datore di lavoro entro 3 mesi dall’entrata in vigore del provvedimento, contenente:

  • le generalità del contribuente;
  • il suo codice fiscale;
  • l’indicazione dell’attuale residenza in Italia;
  • l’impegno a comunicare tempestivamente l’avvenuta iscrizione nell’anagrafe della popolazione residente, ogni variazione della residenza o del domicilio prima del decorso di cinque anni dalla data della prima fruizione del beneficio.

La scelta è irrevocabile ed ha effetto a partire dal 1° gennaio 2016 e per i quattro periodi d’imposta successivi.

Imprenditori e autonomi

L’opzione può essere esercitata anche dai soggetti che hanno avviato un’attività di lavoro autonomo o di impresa. I lavoratori autonomi o gli imprenditori impatriati che intendano possono indicare l’opzione nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2016.