Bonus Chef fino a 6mila euro: domande a febbraio

di Alessandra Gualtieri

Fino a 6mila euro per le spese 2021-2022 dei cuochi professionisti dipendenti o autonomi: domande online dal sito MiSE tra il 27 febbraio e il 3 aprile 2023.

Ai nastri di partenza il Bonus Chef, rimasto in stallo per quasi due anni: dopo il decreto MiSE con le regole attuative pubblicato a settembre, arrivano anche i termini per le istanze: in base al nuovo decreto del 29 novembre, le domande per il credito d’imposta potranno essere presentate al Ministero delle Imprese e del Made in Italy dal 27 febbraio al 3 aprile 2023.

Il link alla procedura telematica sarà reso disponibile sulla pagina del sito MiSE dedicata al bonus.

Bonus Chef

Il bonus copre le spese per attrezzature, materiali e formazione effettuate nel 2021 e 2022, con un tetto massimo di 6mila euro per beneficiario. Le risorse complessive sono pari a 3 milioni di euro, suddivise nel triennio 2021-2023. L’agevolazione è concessa ai sensi del regolamento “de minimis” e può coprire fino al 40% del costo delle spese ammissibili.

Il provvedimento MiSE dello scorso luglio riporta già i requisiti e le procedure di concessione, i documenti richiesti e le regole sui controlli per l’accesso al credito d’imposta destinato alle persone che esercitano l’attività di cuoco professionista.

Beneficiari

Possono accedere al credito d’imposta i cuochi professionisti che hanno lavorato come dipendenti subordinati di alberghi e ristoranti con contratto attivo (in tutto o parte) nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022, oppure gli autonomi a partita IVA che hanno prestato attività di cuoco professionista nel medesimo periodo (in tutto o in parte) presso le medesime predette strutture.

E’ inoltre necessario essere residenti o stabiliti in Italia ed essere nel pieno godimento dei diritti civili.

Spese ammissibili

Le spese per attrezzature e formazione degli chef che accedono al bonus devono essere state pagate in modo tracciabile e utilizzando il conto corrente intestato al beneficiario. Vi rientrano:

  • acquisto di macchinari di classe energetica elevata destinati alla conservazione, lavorazione, trasformazione e cottura di prodotti alimentari,
  • acquisto di strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione,
  • partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

Per i macchinari di classe energetica elevata, si applicano le seguenti regole:

  • A, B e C per macchinari etichettati su scala da A a G;
  • A+, A++ e A+++ per macchinari con etichettatura su scala da A+++ a D;
  • A+, A++ e A+++ per apparecchi di cottura con etichettatura su scala da A+++ a G.

Le spese devono essere state pagate tramite conti correnti intestati al beneficiario e con modalità tracciabili. Non sono ammissibili le spese per imposte e tasse. L’IVA è agevolabile solo se rappresenta un costo effettivo non recuperabile.

Domanda ed erogazione del credito

I criteri di presentazione delle domande sono definiti dal decreto direttoriale del 29 novembre 2022, al quale sono allegati modello e oneri informativi.

Gli interessati dovranno inviare al MiSE un’istanza telematica con cui dichiarano il possesso dei requisiti ed elencano le spese sostenute, allegando la documentazione comprovante acquisto e pagamento, oltre al contratto di lavoro o alla partita IVA. Modello e istruzioni, termini e modalità di invio saranno definiti con successivo provvedimento.

Le istanze possono essere presentate dalle ore 12:00 del 27 febbraio 2023 fino alle ore 15:00 del 3 aprile 2023, esclusivamente tramite procedura informatica e con accesso via SPID, CNS o CIE.

Il Ministero adotterà un provvedimento di concessione cumulativo di tutti i beneficiari, specificando l’importo utilizzabile per ciascuna annualità.