Prestiti alle piccole imprese da PayPal

di Carlo Lavalle

scritto il

Paypal si getta nella mischia dei prestiti alle piccole imprese con una proposta chiamata PayPal Working Capital, sperimentato prima sul mercato UK e lanciato da pochi giorni negli USA. In tempi di crisi, reperire fondi è sempre più difficile per micro-imprese e PMI, dunque bisogna escogitare nuovi sistemi per trovare liquidità : la soluzione proposta è quella di finanziare le imprese commerciali che utilizzano il servizio PayPal. L’importo del prestito, gestito da WebBank, è pari all’8% delle entrate annuali del richiedente fino a un tetto massimo.

A differenza delle modalità  tradizionali, PayPal Working Capital prevede l’applicazione di una sola quota fissa di prelievo, stabilita in partenza, senza nessun interesse periodico, tasse nascoste, date di scadenza o penali per il ritardo. Una volta accettati termini e condizioni il finanziamento verrò trasferito al soggetto. I pagamenti vengono effettuati automaticamente, in una misura che va dal 10% al 30%, man mano che si realizzano incassi tramite PayPal. Nel caso le vendite venissero a mancare in un dato periodo non ci sarebbe nemmeno il prelievo. Per ora i prestiti riguarderanno 90.000 commercianti, solo una piccola parte di quelli che si avvalgono dei suoi servizi. L’iniziativa di PayPal risponde alle attività  portate avanti da Amazon e Kabbage che hanno istituito programmi di prestito per fornire capitali a imprese le quali cercano di incrementare il magazzino o di espandere il proprio business. Rispetto ad altre modalità  di finanziamento alternative al tradizionale prestito bancario, come l’anticipo contante o il social lending, PayPal Working Capital appare meno complicato e più conveniente.

Per maggiori informazioni consulta PayPal Working Capital

I Video di PMI

Guida alle ferie aziendali