Stampa Green: meno sprechi con Ricoh Pay Per Page Green

di Noemi Ricci

scritto il

Disponibile sul mercato un nuovo servizio per aziende, che consente di pagare solo per le pagine effettivamente prodotte: più efficienza e meno costi di gestione documentale e impatto ambientale

Il Green IT non è più solo un approccio strategico ma un ricco mercato di soluzioni aziendali ad hoc, che da oggi si arricchisce di un nuovo, “rivoluzionario” servizio di stampa: il Pay Per Page Green, proposto dal gruppo Ricoh, che apre a nuove prospettive nella gestione documentale.

Il programma Pay Per Page Green permette di ridurre i costi dei processi di gestione e stampa dei documenti, mediante un processo simile al SaaS.

In pratica, le aziende non acquistano un prodotto bensì un servizio, che integra funzionalità di stampa e gestione elettronica del documento, e che viene fornito in modalità pay per use: vengono addebitate le sole pagine effettivamente prodotte.

In questo modo, anche l’efficienza organizzativa, la soddisfazione degli utenti e l’impatto ambientale risulteranno notevolmente migliorati.

Oltre a puntare sugli aspetti economici e organizzativi, dunque, la soluzione Ricoh aiuta ad essere eco-sostenibili nel proprio business, grazie alla Green IT.

Come funziona? Una prima fase di auditing prevede censimento periferiche, rilevamento dati amministrativi, volumi di stampa e infrastruttura tecnologica esistente. Ilo tutto, per poter calcolare il Total Cost of Ownership (TCO) della gestione documentale e individuare le possibilità di miglioramento.

Segue la fase della progettazione del parco dispositivi di ultima generazione, che forniscono tra le altre cose il supporto per la modalità fronte-retro, permettendo di risparmiare sulla carta e ridurre gli sprechi.

Solo a questo punto si procede alla effettiva fornitura di periferiche e servizi operativi, che mirano a rispettare la natura ma anche a far risparmiare tempo, risorse e denaro!

I Video di PMI

PMI.it incontra SisalPay