Tratto dallo speciale:

Pensione svizzera tassata in Italia

di Redazione PMI.it

scritto il

Chiarimenti delle Entrate sulla tassazione della previdenza professionale svizzera ai residenti in Italia.

In risposta ad un interpello, il n. 286/2019, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito il trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dalla LPP svizzera ad un soggetto fiscalmente residente in Italia, ai sensi dell’articolo n. 76, comma 1-bis, della legge n. 413/1991.

In particolare le Entrate chiariscono che la previdenza professionale obbligatoria Svizzera, in caso di professionista residente nel nostro Paese, deve essere tassata solo in Italia.

=> Pensioni autonomi: stop ai contributi dannosi

Convenzione contro le doppie imposizioni

Nel caso sottoposto all’Amministrazione finanziaria si trattava del contributo dovuto da un ente pensionistico svizzero di natura privatistica erogato a titolo di previdenza professionale obbligatoria ad un contribuente fiscalmente residente in Italia. In tale ipotesi, la tassazione deve avvenire in via esclusiva in Italia, tenuto conto che la Convenzione tra Italia e Svizzera contro le doppie imposizioni.

=> Residenza fiscale: evitare la doppia imposizione

Tale convenzione prevede espressamente che, fatte salve le pensioni pubbliche, le pensioni e le altre remunerazioni analoghe, pagate ad un residente di uno Stato contraente in relazione ad un cessato impiego, sono imponibili soltanto in questo Stato.

Tassazione pensione svizzera in Italia

Entrando nello specifico della tassazione della prestazione erogata dalla LPP svizzera, questa, se riscossa in Italia, non concorre alla formazione del reddito imponibile e viene assoggettata a ritenuta alla fonte del 5% a titolo d’imposta da parte dell’intermediario presso il quale è accreditata.

I Video di PMI

Quota 100: regole, pro e contro