Tratto dallo speciale:

Cessione crediti edilizi ai clienti del conto deposito

di Teresa Barone

8 Gennaio 2024 09:15

La cessione del credito d’imposta legata ai bonus edilizi è valida anche a favore di chi sottoscrive un conto deposito: il Fisco chiarisce.

L’ultima cessione del credito d’imposta legata ai bonus edilizi può essere effettuata anche a favore di clienti titolari di un conto deposito.

Lo sottolinea l’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 483/2023, intervenendo in merito a una richiesta relativa al regime di cedibilità dei crediti derivanti dai bonus edilizi.

Cessione crediti edilizi da banche a titolari di conto

Stando alla normativa vigente, infatti, le banche e gli istituti finanziari destinatari delle ”prime cessioni” possono cedere ulteriormente il credito di imposta a favore di soggetti che abbiano stipulato un contratto di conto corrente con la banca cessionaria.

L’Agenzia delle Entrate, tuttavia, ritiene valida l’acquisizione di un bonus edilizio da parte di chi sottoscrive un conto deposito.

Questo, poiché l’operatività del conto deposito presuppone l’esistenza di un conto corrente bancario aperto in Italia (chiamato “conto di appoggio) e intestato al medesimo intestatario del conto deposito, che rappresenta l’unico conto corrente attraverso il quale quest’ultimo può essere effettivamente alimentato.

Sulla  base  di tali  previsioni  contrattuali […] l’istante potrà operare la cessione dei crediti connessi ai cd. bonus  edilizi ai clienti che sottoscrivono il ”conto  deposito” descritto  in  istanza.

Resta,  in  ogni  caso,  impregiudicata  l’attività  dell’Amministrazione  finanziaria  finalizzata  alla  valutazione della sussistenza o meno, in capo agli acquirenti dei crediti di cui all’articolo  121 del decreto Rilancio, della necessaria diligenza.

Significa che, in ogni caso, vanno rispettate le norme vigenti in maniera di verifiche precedenti all’accettazione dei crediti.