Gestione separata INPS: controlli sui versamenti, da giugno iscrizioni online

di Noemi Ricci

scritto il

INPS: contributi e gestione separata: controlli automatici sui versamenti omessi in quanto reato penale; dal primo giugno l'iscrizione sarà solo telematica.

INPS: due novità sulla Gestione Separata e sull’obbligo di versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali da parte dei datori di lavoro ai lavoratori con contratto a progetto e dei collaboratori coordinati e continuativi. La circolare INPS n. 71 del 5 maggio 2011 – sulla base dell’articolo 39 della legge 183/2010, “Collegato Lavoro” secondo cui l’omissione dei versamenti di contributi configura ipotesi di reato – precisa che l’illecito porta automaticamente l’intimazione ad adempiere entro tre mesi.

Nel caso in cui si proceda al pagamento entro i termini gli inadempienti non subiranno punizioni ma in caso contrario scatterà l’obbligo di denuncia di reato all’Autorità Giudiziaria. Stesso discorso anche per chi paga, ma oltre i limiti di tempo.

L’INPS ricorda che la disciplina si applica a partire dalle denunce Emens di novembre 2010 e in scadenza al 16 dicembre 2010, in virtù del fatto che la legge 183 è entrata in vigore il 24 novembre 2010. La responsabilità del reato in esame ricade sul soggetto che ha la responsabilità legale dell’adempimento al momento della scadenza del termine previsto per il versamento contributivo.

L’altra novità riguarda il processo di digitalizzazione delle domande di prestazione che l’Istituto ha avviato quest’anno: dal prossimo 1° giugno 2011, anche le domande d’iscrizione alla Gestione separata dovranno essere presentate esclusivamente per via telematica. Allo scopo è possibile utilizzare in alternativa ai servizi telematici (per i quali è richiesto il PIN o il codice fiscale ma solo fino al 30 settembre), il Contact Center multicanale, o gli intermediari dell’Istituto.

_______________________________

ARTICOLI CORRELATI

del 4 maggio 2011