Esodati: istruzioni per la salvaguardia del terzo contingente

di Noemi Ricci

scritto il

Istruzioni e moduli INPS per i lavoratori esodati che rientrano nel terzo contingente dei beneficiari della salvaguardia dalla Riforma delle Pensioni: i termini e le modalità di presentazione della domanda.

Istruzioni e moduli per la domanda di accesso alla salvaguardia pronti per gli esodati del terzo contingente. Lo ha comunicato l’INPS con il Messaggio n. 8824.

Si tratta dei 10.130 lavoratori tutelati dalla Riforma delle Pensioni Fornero con il Decreto 22 aprile 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 123 del 28 maggio 2013.

=> Leggi chi sono i 10mila esodati salvati

Entro il 25 settembre 2013 dovranno presentare la richiesta di accesso alla salvaguardia all’INPS per via telematica gli esodati che possiedono i seguenti requisiti:

  • lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione entro il 4 dicembre 2011 (1.590), questi devono usare il modulo AP90;
  • lavoratori autorizzati alla contribuzione volontaria entro il 4 dicembre 2011 e collocati in mobilità ordinaria alla stessa data (850), questi devono usare il modulo AP91.

=> Scopri la contro Riforma Fornero del governo Letta

Ricordiamo che nel caso queste due categorie di lavoratori avessero ripreso l’attività occupazionale successivamente all’autorizzazione viene richiesto che questa non sia a tempo indeterminato e che non abbiano ottenuto da tali attività, dopo il 4 dicembre 2011, un reddito annuo lordo complessivo superiore ai 7.500 euro.

=> Vai allo Speciale Esodati

L’invio può essere effettuato:

  • recandosi presso i patronati;
  • utilizzando l’applicazione “invia moduli online”, accessibile mediante PIN dispositivo;
  • inoltrando la documentazione via PEC alla sede INPS competente.

Ancora in attesa di pubblicazione invece le istruzioni relative alle rimanenti due categorie di esodati salvaguardate dal Decreto del 22 aprile 2013, ovvero:

  • cessati entro il 30 settembre 2012 e messi in mobilità o in deroga in risultato ad accordi governativi o non governativi sottoscritti entro il 31 dicembre 2011;
  • i lavoratori che hanno risolto il rapporto lavorativo entro il 30 giugno 2012 a seguito di accordi individuali o collettivi di incentivo all’esodo.

=> Approfondisci la Riforma delle Pensioni

Per maggiori informazioni consultare il Messaggio INPS 8824