Pensione del coniuge: rileva ai fini del carico di famiglia?

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Giorgio chiede:

Percepisco una pensione di 1321,07 euro mensili e ho 81 anni. Dal 1° gennaio 2022, mia moglie di 67 anni – fino a quel momento a mio carico –  percepisce un pensione di euro 523,87 euro. Posso considerarla ancora a mio carico o no?

Per essere considerato fiscalmente a carico, il coniuge deve avere un reddito che non superi i 2.840,51 euro lordi annui.

Se la pensione di sua moglie supera questo tetto, da quando ha iniziato a prenderla non è più fiscalmente a suo carico, anche se avesse un reddito autonomo al di sotto della soglia imponibile.

Per i pensionati, lo ricordiamo, la riforma IRPEF ha previsto l’esonero dalle tasse fino a un reddito da pensione di 8.500 euro ed una detrazione minima pari a 713 euro.

Sostanzialmente, dal primo gennaio sua moglie è diventata una pensionata con reddito proprio, pur senza obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi se sotto la soglia esentasse (no tax area).

Per quanto riguarda la sua dichiarazione, invece, dal prossimo anno deve tenere conto del nuovo quadro fiscale che si è venuto a creare per l’anno d’imposta di riferimento (2022).

Le ricordo infine quali sono le regole e le soglie di accesso alle detrazioni per carichi di famiglia in base ai requisiti previsti:

  • grado di parentela – coniugi, figli e altri familiari (tra cui i genitori/suoceri, generi/nuore, discendenti dei figli);
  • stato di convivenza – (gli “altri familiari” devono avere la stessa residenza del dichiarante);
  • soglia di reddito – massimo 2.840,51 euro complessivi nell’anno d’imposta, al lordo degli oneri deducibili, oppure figli fino a 24 anni con reddito fino a 4mila euro.

La detrazione per il coniuge a carico è pari a:

  • 800 euro se il reddito complessivo non supera 15mila euro
  • 690 euro se il reddito complessivo è compreso tra 15mila euro e 40mila euro
  • 690 euro se il reddito complessivo è compreso tra 40mila euro e 80mila euro.

Per i contribuenti con reddito superiore a 29mila euro e inferiore a 35.200 euro la detrazione è aumentata di un importo da 10 a 30 euro.

 

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz