Milano sostiene le imprese di periferia: contributi a fondo perduto

di Redazione PMI.it

scritto il

Bando “Prossima Impresa 2021” per sostenere lo sviluppo delle realtà della periferia di Milano e supportarle nella ripartenza post Covid.

Il Comune di Milano sostiene lo sviluppo commerciale delle periferie approvando le linee di indirizzo di “Prossima Impresa 2021”, provvedimento che stanzia oltre 3,7 milioni di euro per supportare le imprese e gli esercizi di vicinato operativi nelle aree meno centrali. Realizzato in collaborazione con la Camera di Commercio, il bando sostiene le piccole e dinamiche attività commerciali e artigianali particolarmente colpite dalle conseguenze economiche della pandemia. Si tratta di imprese di prossimità e di vicinato che rappresentano fattori centrali per i processi di rigenerazione urbana, crescita e sviluppo sostenibile del territorio.

Sono previsti contributi a fondo perduto sino al 50% della spesa complessiva, entro un massimo di 30mila euro, oltre a un finanziamento a tasso agevolato per un valore complessivo non superiore a 60mila euro per ogni progetto.

Potranno accedere ai fondi le micro e piccole imprese, attive nelle aree periferiche individuate dalla Legge 266 e costituite da almeno 12 mesi, in possesso di almeno una vetrina su strada e operanti nei settori commercio di vicinato, artigianato, somministrazione di alimenti e bevande, servizi alla persona, turismo, cultura e tempo libero, altri settori. L’iniziativa coinvolge in particolare il quartiere Adriano a Gratosoglio, da Quarto Oggiaro a Lambrate, passando per la Barona e la Bovisa sino a Lorenteggio e Vigentino, offrendo supporto alle imprese già esistenti per aiutare a ripartire dopo il Covid.

Verrà data la priorità a progetti di investimento focalizzati sulla salute e la sicurezza dei lavoratori e dei clienti, sulla digitalizzazione e sullo sviluppo del commercio elettronico, ampliamento o riorganizzazione delle superfici di vendita, sostenibilità ambientale e gestione di rifiuti, scarti, eccedenze alimentari, welfare aziendale e conciliazione vita lavoro.

Per quanto riguarda la rendicontazione, potranno essere conteggiati anche gli investimenti sostenuti a partire dal 1° gennaio 2021, sino a un massimo di 15mila euro, per spese come l’allestimento dei dehor e plateatici e l’acquisto di dotazioni di sicurezza. Il bando integrale sarà pubblicato sul portale del Comune di Milano.

Rispetto alle passate edizioni, volte a favorire la nascita di nuove imprese nei quartieri più esterni della città – spiega l’assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività Produttive e Commercio, Cristina Tajani – quest’anno abbiamo voluto concentrare il nostro sforzo nel sostenere le imprese già esistenti, triplicando anche le risorse a disposizione per contrastare gli effetti della crisi post pandemica e favorire la ripartenza della città e dei suoi operatori commerciali.