Google Calendar approda offline

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Google Calendar si arricchisce della possibilità di essere consultato anche offline. Si tratta tuttavia di una funzionalità ancora in fase beta al momento disponibile solamente per alcuni utenti

Google arricchisce il suo popolare servizio Google Calendar attraverso una nuova modalità di consultazione offline, alla stregua di quanto accaduto in precedenza con Gmail. Si tratta tuttavia di una funzionalità ancora in fase beta, al momento disponibile solo per alcuni account e per la sola consultazione.

Si tratta di una novità particolarmente interessante per l’utenza business, spesso costretta a consultare il proprio calendario in mobilità oppure in uffici sprovvisti di connessione wireless e che renderà superfluo «stampare i calendari la notte prima di partire per un viaggio», come ricorda Joyce Sohn, marketing manager di Google Apps.

La modalità offline, seppure non ancora annunciata per via ufficiale da Google, appare documentata da alcune schermate catturate dal blogger Mark Mathson e apparse su Google Operating System. Si tratterebbe in sostanza della presenza di una nuova voce denominata “Offline (beta)” nella parte in alto della finestra del servizio.

Come ben visibile nelle schermate, la nuova funzionalità, che con il corso del tempo sarà disponibile per tutti gli utenti Google Apps Standard Edition e Premier and Education Edition, basa il suo funzionamento sulla tecnologia Google Gears, che dovrà quindi essere necessariamente installata nel proprio sistema.

La modalità offline non permette al momento di effettuare alcuna modifica al contenuto del calendario; è possibile comunque che si tratti semplicemente di una limitazione relativa alla versione beta e che verrà rimossa non appena il servizio sarà disponibile nella sua versione definitiva.