CILA Superbonus, dal 4 agosto via libera al modulo unico

di Redazione PMI.it

scritto il

Operativa dal 4 agosto la nuova modulistica CILA Superbonus 110%, da adottare presso tutti i Comuni: non servono più stato legittimo né progetto grafico.

La Conferenza Unificata ha approvato l’adozione del modulo unico nazionale per la CILA (Comunicazione asseverata di inizio attività), con il quale si riducono gli adempimenti per accedere al Superbonus 110%. I Comuni dovranno tutti adottarlo, in quanto modello standardizzato per legge, e operativo dal 4 agosto con la sua pubblicazione sul sito della Funzione Pubblica. La modulistica si compone della CILA Superbonus vera e propria e di un secondo modello (“Altri soggetti coinvolti”) da compilare nel caso in cui ci siano più titolari dell’agevolazione per interventi su unità immobiliari unifamiliari o plurifamiliari indipendenti e nel caso siano previsti interventi trainati su parti private di unità immobiliari facenti parte dell’edificio condominiale beneficiario del Superbonus.

=> CILA Superbonus: scarica la nuova modulistica unica

In ottica di semplificazione, il modello Cila-superbonus contiene solo gli estremi del permesso di costruire o del provvedimento che ha legittimato l’immobile (come la data di rilascio), mentre per gli edifici completati prima del 1° settembre 1967 basta una dichiarazione. Non serve più l’attestazione di stato legittimo (che richiedeva anche mesi) ma è sufficiente la dichiarazione del progettista di conformità dell’intervento da realizzare.

L’elaborato progettuale da presentare consiste infine nella descrizione sintetica dell’intervento (eventuali elaborati grafici saranno allegati solo se indispensabili a una più chiara descrizione), mentre per gli interventi in edilizia libera basta una semplice descrizione dell’intervento. Dunque, non serve neppure presentare un progetto vero e proprio ma basta una descrizione accurata dei lavori. Una tabella riepilogativa illustra i casi in cui si rendono necessari gli allegati.