Tratto dallo speciale:

Il pacchetto casa in Legge di Stabilità

di Barbara Weisz

scritto il

La legge di Stabilità 2016 introduce una serie di novità normative e di vantaggi fiscali per stimolare il mercato immobiliare e il settore edilizio, con un nutrito pacchetto casa: leasing finanziario per l’acquisto della prima casa, tassazione agevolata per l’acquisto della prima casa-bis, bonus mobili per giovani coppie che comprano casa. Vediamo nel dettaglio cosa prevedono i singoli provvedimenti inseriti in una manovra che, lo ricordiamo, prevede un nutrito numero di misure fiscali, a favore di contribuenti e imprese, fra cui in materia di immobili c’è l’abolizione della TASI sull’abitazione principale.

=> Novità fiscali 2016 in Legge di Stabilità

Leasing finanziario acquisto prima casa

E’ previsto dai commi da 76 a 84 dell Legge di Stabilità 2016. La banca o l’interdemiario finanziario acquistano l’immobile, anche da costruire, e lo mettono a disposizione del futuro acquirente, il quale paga un affitto, che tiene conto del prezzo di acquisto e della durata del contratto. Al termine, l’inquilino può acquistare l’immobile a un prezzo che era stato prestabilito. In pratica, si tratta di un nuova possibilità di acquistare un’abitazione, che deve essere la prima casa, senza contrarre un mutuo con la banca. Se il titolare del contratto recede prima della scadenza, l’intermediario ha diritto alla restituzione del bene. E’ possibile sospendere il pagamento del canone mensile, per un massimo di 12 mesi, in caso di perdita del lavoro. C’è un’agevolazione particolare per acquirenti fino a 35 anni, con un reddito complessivo non superiore a 55mila euro: detrazione del 19% sul prezzo di affitto, fino a un tetto di 8mila euro all’anno, e sul prezzo di acquisto fino a un tetto di 20mila euro.

=> Prima casa in leasing: nuove agevolazioni

Acquisto prima casa bis

La tassazione agevolata prevista per la prima casa in tema di imposta di registro e IVA è estesa anche al caso in cui venga comprata una nuova abitazione principale, vendendo l’immobile per il quale si era precedentemente utilizzato il beneficio fiscale. E’ necessario vendere il vecchio immobile entro un anno dal nuovo rogito. L’agevolazione si applica anche se la vecchia prima casa è ceduta a titolo non oneroso. E’ previsto dal comma 55 della manovra. Lo sconto fiscale: chi acquista l’immobile da un privato paga imposta di registro al 2% e imposte ipotecaria e catastale fisse di 50 euro, chi acquista da un’impresa applica l’IVA al 4%, e le imposte catastale e di registro salgono a 200 euro. L’agevolazione non si applica agli immobili di lusso, di categoria catastale A1, A8, e A9.

=> Stabilità 2016: agevolazioni prima casa bis

Bonus mobili giovani coppie

Si tratta di una detrazione al 50% per l’acquisto di arredi ed elettrodomestici, fino a un tetto di spesa di 16mila euro, destinati a una prima casa appena acquistata da una coppia con almeno un under35enne. Importante: la legge non riguarda solo giovanni coppie sposate, ma anche convivenze,  ed è quindi estesa anche alle coppie omosessuali. Come la detrazione per gli arredi destinati a immobili oggetto di ristrutturazione agevolata (detrazioi prorogate nelle attuali misure per l’intero 2016), il bonus mobili giovani coppie è ripartito in dieci quote annuali di pari importo.