Tratto dallo speciale:

Bonus 65% anche sotto reddito tax area

di LavoroImpresa

scritto il

L’Agenzia delle Entrate interviene sul bonus per la riqualificazione energetica per il 2016 e lo fa con un provvedimento del Direttore tramite il quale detta le indicazioni per i contribuenti che, rientrando nella cosiddetta no tax area – soglia di reddito sotto la quale non si versa l’IRPEF – risultano di fatto esclusi dall’applicazione della detrazione del 65%.

Grazie alle Legge di Stabilità 2016 e alle istruzioni fornite dall’Agenzia delle Entrate, anche questi soggetti potranno beneficiare del bonus, in forma di credito.

=> Bonus ristrutturazioni prorogati per tutto il 2016

La legge di Stabilità 2016 ha previsto che, in merito alle spese per interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni degli edifici, delle quali spetta il bonus 65%, i contribuenti che possiedono redditi esclusi dall’imposizione IRPEF per espressa previsione (no tax area) o perché l’imposta lorda è assorbita dalle detrazioni per redditi previste dal Tuir, possono cedere il credito all’impresa fornitrice che ha eseguito i lavori o le prestazioni come parte del pagamento da loro dovuto in base alla tabella millesimale di ripartizione delle spese condominiali.

=> Detrazioni fiscali 2016 per le ristrutturazioni edilizie

I soggetti che ricadono nella no tax area, infatti, solitamente non possono fruire dell’agevolazione, poiché questa spetta solo fino a concorrenza dell’imposta lorda. La scelta di cedere il credito deve risultare dalla delibera assembleare del condominio, che approva gli interventi e poi comunicata al fornitore.

=>Bonus Energia, cessione credito del condomino

Il fornitore, poi, deve comunicare al condominio l’avvenuta accettazione del credito a titolo di pagamento di parte del corrispettivo per i beni ceduti e le attività prestate.

L’efficacia dell’operazione è subordinata alla trasmissione, entro il 31 marzo del prossimo anno, di una comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate a mezzo canale Entratel o Fisconline contenente:

  • il totale della spesa sostenuta nel 2013 per lavori di riqualificazione energetica su parti comuni;
  • l’elenco dei bonifici effettuati per il pagamento delle spese;
  • il codice fiscale dei condomini che hanno ceduto il credito e l’importo del credito ceduto da ciascuno;
  • il codice fiscale dei fornitori cessionari del credito;
  • l’importo totale del credito ceduto a ciascuno di essi.

I fornitori che ricevono il credito come pagamento possono utilizzarlo esclusivamente in compensazione in 10 rate annuali di pari importo a decorrere dal 10 aprile 2017. La quota di credito non fruita nell’anno è utilizzabile negli anni successivi e non può essere chiesta a rimborso.