Decreto Esodati verso lo sblocco: in pensione altri 55mila salvaguardati

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Decreto Esodati in arrivo per altri 55mila salvaguardati verifiche per i primi 65mila lavoratori salvati dalla Riforma delle Pensioni Fornero, ma resta il nodo della calendarizzazione in Aula della nuova proposta di legge unificata.

Il ministro del Welfare Elsa Fornero ha confermato che è in arrivo il decreto attuativo per altri 55mila esodati salvaguardati  dalla riforma delle pensioni (leggi tutto), dopo i primi 65mila (lavoratori che,  prossimi alla pensione, avevano firmato accordi con le aziende).

Vai allo Speciale Esodati

Decreto attuativo

Il decreto attuativo si riferisce alla misura per i nuovi esodati contenuta nella Spending Review (legge 135/2012 di conversione del Dl 95/2012).

Il provvedimento deve essere emanato entro entro 60 giorni dall’entrata in vigore della Spending Review (7 agosto 2012), ossia entro il 6 ottobre 2012.

Le nuove dichiarazioni del Ministro, rilasciate a margine dell’incontro con i sindacati per la questione Fiat, danno comunque speranza ai 55mila in attesa, e sembrano corroborare la tesi secondo cui nel nuovo Decreto Esodati rientrerebbero anche i lavoratori dello stabilimento di Termini Imerese e quelli di Irisbus.

Proposta di legge bipartisan

Nel frattempo, è ancora ferma in Parlamento la proposta di legge bipartisan Damiano – Dozzo -Paladini, per ammorbidire i requisiti pensionistici e quindi ampliare la platea degli esodati: la sua calendarizzazione era stata bloccata per dubbi sulla copertura finanziaria (leggi le motivazioni del Pdl), poi prevista per Ottobre, ma con aspre polemiche sulla mancanza di copertura finanziaria, che ne minacciano ancora la discussione effettiva.

Primo Decreto Esodati

Intanto, per i primi 65mila esodati “fortunati”, è tecnicamente ancora lontana la pensione: dopo le prime verifiche INPS sui requisiti, è infatti necessario fare domanda, compilando l’apposito modulo di richiesta da inviare per via telematica entro il 21 novembre, con trafile diverse a seconda della tipologia di lavoratore:
Leggi le istruzioni per i primi 65mila esodati che richiedono la pensione

Gli esodati che vogliano conoscere la propria posizione di salvaguardato potranno richiedere un appuntamento presso una delle sedi INPS o recarsi presso o un ente di patronato. Questi verificheranno il diritto pensionistico e procederanno ad inserire il richiedente nelle liste degli esodati, inviando per via telematica l’istanza alla Direzione territoriale del lavoro.