Tratto dallo speciale:

Industria 4.0: guida pratica

di Noemi Ricci

scritto il

Sette consigli pratici per innovare e digitalizzare la propria azienda in ottica 4.0 intervenendo su gestione delle informazioni, riorganizzazione e flussi di lavoro.

Una guida all’innovazione in ottica industria 4.0 per aiutare le aziende, attraverso utili consigli, ad affrontare con successo il passaggio alla nuova industrializzazione senza stravolgere i sistemi già in uso,  magari ricorrendo al supporto offerto dalle piattaforme di Business Process Management (BPM).

Frutto di un’iniziativa di Openwork srl (fornitore di software indipendente che realizza piattaforme di sviluppo applicativo basate su linguaggi visivi, modelli concettuali e organizzativi in luogo dei tradizionali codici di programmazione), il vademecum si rivolge a imprenditori, IT manager e responsabili dell’innovazione ed disponibile online gratuitamente.

=> Industria 4.0, in cosa investono le PMI italiane

Guida all’innovazione 4.0

La guida spiega come governare, migliorare e innovare i processi aziendali, eliminare le ridondanze e valorizzare gli strumenti già in uso, automatizzare i flussi di lavoro con le tecnologie di business process management, gestire le informazioni, riorganizzare i flussi di lavoro e trovare in una piattaforma cloud un alleato per i cambiamenti aziendali.

=> Incentivi Industria 4.0 e Iperammortamento

Industria 4.0: i segreti del successo

Ecco i sette passi per un’innovazione aziendale in ottica 4.0

  1. Analizzare i flussi di lavoro per governare i processi, ovvero per coordinare gli attori coinvolti, ma anche verificare che questi si sviluppino secondo determinati livelli di performance in modo da poter intervenire prontamente con azioni correttive. Per avviare con successo un’innovazione dei processi è necessario definire con chiarezza gli obiettivi attesi da tale attività con una continua analisi dei flussi di lavoro e dei processi.
  2. Scegliere il tipo di cambiamento da apportare: migliorativo, ovvero andando ad intervenire su un processo di business già esistente con un nuovo approccio che ne migliori l’efficienza e l’efficacia, o innovativo raggiungendo gli obiettivi di business previsti per un processo in modo del tutto nuovo, digitalizzandolo. Per capire quale si la scelta più adatta è necessario classificare processi e attività in base a quanto sono influenzati dalle mutevoli condizioni dell’organizzazione e del contesto operativo; individuare quelli che restano sostanzialmente immutati nel tempo e quelli che necessitano di miglioramenti continui, quelli per cui sono note tutte le caratteristiche e quelli per cui non lo sono.
  3. Rendere un processo fluido ed efficiente, così da raggiungere gli obiettivi attesi con il minor utilizzo possibile di risorse. Per raggiungere lo scopo è necessario eliminare ogni operazione manuale inutile e condividere informazioni e flussi di lavoro.
  4. Definire una strategia di innovazione cambiando la mentalità e l’approccio delle persone al lavoro e al modo di relazionarsi tra loro. Un percorso possibile solo con il coinvolgimento consapevole di tutti gli attori coinvolti e facilitato dalla progressiva introduzione di miglioramenti immediatamente tangibili, salvaguardando il know-how e le risorse presenti in azienda e gestendo opportunamente i rischi connessi a qualsiasi processo di innovazione.
  5. Innovare i processi senza bloccare la produttività in azienda e senza penalizzarla, senza dimenticare che il primo obiettivo da raggiungere è governare il processo, non necessariamente di renderlo completamente automatico.
  6. Preferire una piattaforma ai software tradizionali,  per innovare con successo è fondamentale scegliere la giusta tecnologia per farlo, valutando  l’opportunità di scegliere una piattaforma con la quale poter integrare le persone e i sistemi dell’azienda.
  7. Orientarsi verso tecnologie riadattabili ai cambiamenti aziendali per rispondere in maniera istantanea alle esigenze di un business in continua evoluzione.

A spiegare l’idea con cui nasce questa guida è Ivan Giuliani, Marketing Coordinator di Openwork:

«Si parla molto di Industria 4.0 ma in pochi spiegano come portare innovazione in azienda in modo concreto, sostenibile e con un occhio di riguardo ai futuri cambiamenti. Le imprese fanno fatica a comprendere che innovare non significa necessariamente stravolgere il presente, ma migliorare gli strumenti utilizzati adottando una logica differente e una tecnologia non invasiva a supporto di questo approccio.

Fondamentalmente, la vera innovazione è nel metodo, per questo motivo abbiamo deciso di diffondere le nostre conoscenze attraverso una guida gratuita che possa aiutare le imprese a intraprendere un percorso verso l’innovazione digitale in modo intelligente e graduale.

Siamo convinti che la guida possa contribuire a colmare il gap culturale sulla Digital Transformation e rilanciare l’industria italiana ai livelli di altri Paesi europei».

.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso