Tratto dallo speciale:

Pensioni INPS 2022: assegno medio mensile da 959 a 1.427 euro

di Alessandra Gualtieri

scritto il

Monitoraggio pensioni INPS 2021 e 2022: importo medio mensile in calo, fuga delle donne dal mondo del lavoro ma assegni poveri.

Pubblicato l’Osservatorio INPS sul monitoraggio dei flussi di pensionamento, relativo ai trattamenti con decorrenza 2021 e primi sei mesi del 2022  (pensioni di vecchiaia e anticipate, di invalidità e ai superstiti del FPLD, della Gestione Dipendenti Pubblici e delle gestioni degli autonomi, compresi i parasubordinati e agli assegni sociali).

Chi sono gli italiani che vanno in pensione

Nel primo semestre 2022 si registra per tutte le gestioni un numero di liquidazioni di pensioni di vecchiaia inferiore del 14% rispetto allo stesso periodo del 2021, ad eccezione degli assegni sociali (+5%). Nel FPLD aumentano le pensioni anticipate (+4%) che però calano per tutte le altre gestioni. Scendono anche le pensioni di invalidità. Da segnalare che le pensioni liquidate con “Opzione Donna” nel primo semestre 2022 sono risultate in forte calo rispetto al 2021.

Per quanto riguarda le singole categorie, le pensioni decorrenti nei primi sei mesi del 2022 sono state:

  • 132.467 vecchiaia,
  • 131.898 anticipate,
  • 17.829 invalidità,
  • 108.738 superstiti.

Importo pensioni in calo

Il totale delle pensioni con decorrenza 2021 è di 877.724, per un importo medio mensile di 1.203 euro. Analizzando gli importi per genere, l’assegno medio per le donne è di 1.018 euro contro i 1.436 euro mensili erogati agli uomini. Le pensioni con decorrenza nel periodo gennaio–giugno 2022 sono state invece 390.932 per un importo medio mensile di 1.173 euro, con prevalenza di quelle femminili, che però ricevono un assegno di molto inferiore rispetto alla controparte maschile: 959 euro al mese per le donne e 1.427 euro per gli uomini.

=> Bonus 200 euro pensionati a luglio, fa tutto l'ente previdenziale

Analizzando negli ultimi 18 mesi di decorrenza le singole gestioni, il FPLD ha registrato 379.312 pensioni 2021 e 179.353 nel primo semestre 2022; seguono gestione dipendenti pubblici (165.161 e 50.766), artigiani (94.107 e 43.655), commercianti (82.660 e 38.512), parasubordinati (39.733 e 18.784) e coltivatori diretti, coloni e mezzadri (40.387 e 18.264). Gli assegni sociali sono stati 76.364 nel 2021 e 41.598 nei primi sei mesi del 2022.