Tratto dallo speciale:

Pensioni: in scadenza il part-time agevolato

di Redazione PMI.it

scritto il

Termina il 31 dicembre 2018 la misura che ha concesso un part-time agevolato a chi era prossimo alla pensione: niente proroga in vista delle alternative più convenienti per l'uscita anticipata.

Fine del part-time per la pensione: la misura scade a fine 2018 e non è stata prorogata, anche in considerazione della scarsa efficacia riscontrata. Rispetto alla potenziale platea dei beneficiari, lo strumento è stato utilizzato da un quarto dei lavoratori stimati.

Si tratta della norma introdotta dalla Legge di Stabilità 2016 (comma 284, legge 208/2015), che ha consentito a coloro che maturavano il diritto alla pensione di vecchiaia entro il 31 dicembre 2018 di chiedere un part-time agevolato fino al pensionamento.

L’orario di lavoro si poteva ridurre al 40% o al 60%, era necessario un accordo con l’azienda, il periodo in part-time era coperto da contribuzione figurativa, il lavoratore prendeva comunque uno stipendio più alto rispetto alle ore lavorate. Era prevista una maggiorazione corrispondente alla differenza fra contribuzione part-time e contribuzione piena.

La misura non ha avuto un particolare successo, probabilmente a causa delle altre misure di flessibilità in uscita successivamente intervenute, come l’APe volontario e social.

Scade il prossimo 31 dicembre senza rinnovo, né è previsto nell’ambito del pacchetto di riforma pensioni che il Governo sta preparando a margine della Legge di Stabilità.