APE Sociale 2018 in scadenza

di Barbara Weisz

scritto il

La prima scadenza per la domanda di APE Sociale 2018 è fissata al 31 marzo: requisiti da maturare entro fine anno o al momento della richiesta all'INPS.

I lavoratori che intendono chiedere l’APE sociale 2018 devono affrettarsi a presentare la domanda di accesso al beneficio INPS: la prima scadenza è il prossimo 31 marzo: a coloro che presentano l’istanza entro questa data, l’istituto di previdenza risponderà inviando la certificazione del diritto entro il prossimo 30 giugno; la seconda finestra temporale 2018 va dal primo aprile al 15 luglio, con lavorazione della domanda entro il 15 ottobre; chi invece sfrutta la finestra che va dal 16 luglio al 30 novembre vedrà la domanda lavorata solo se ci saranno ancora risorse disponibili.

=> APe sociale e pensione precoci, le nuove domande

La domanda va presentata entro il 31 marzo anche se non sono ancora stati maturati tutti i requisiti previsti. Ad esempio, bisogna aver già maturato al momento della domanda, ad esempio nel caso dei disoccupati, il termine della fruizione del sussidio, mentre invece si valutano in via prospettica (purchè si maturino entro fine 2018:

  • il compimento dei 63 anni di età,
  • il minimale contributivo (30 o 36 anni, a seconda dei casi),
  • i tre mesi di disoccupazione successivi al termine degli ammortizzatori sociali,
  • lo svolgimento delle mansioni gravose per almeno sei anni negli ultimi sette oppure sette negli ultimi dieci.

Ricordiamo che l’APE sociale è prevista in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018 e consente di percepire un reddito ponte fino alla pensione di vecchiaia (o anticipata) a coloro che, con almeno 63 anni di età, rientrano anche in una delle quattro tipologie di lavoratori previste.

  • Disoccupati. Platea ampliata dalla legge di Bilancio 2018 includendo chi resta senza lavoro dopo un contratto a termine, ferme restando le altre condizioni: bisogna avere terminato di percepire gli ammortizzatori sociali da almeno tre mesi, durante i quali deve continuare lo stato di disoccupazione, e ci vogliono 30 anni di contributi.
  • Caregiver. Dal 2018 include (a determinate condizioni) anche i parenti e gli affini fino al secondo grado che presentano assistenza da almeno sei mesi a un familiare convivente con handicap grave, sempre con requisito contributivo di 30anni.
  • Disabilità dal 74%. Platea invariata, ci vogliono 30 anni di contributi.
  • Addetti a mansioni gravose. Sono state aggiunte quattro nuove categorie di mansioni (siderurgici, marittimi, pescatori, agricoli) che portano a 15 le tipologie di lavoro ammesse, sempre con 36 anni di contributi.