Eco-innovazione: bando UE per Edilizia e PMI green

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Per le PMI attive nel settore dell'edilizia green e che realizzino progetti innovativi la Ue ha rinnovato il bando Eco-Innovation stanziando 34,8 miliardi di euro.

In questo periodo di incertezza per l’economia green, dovuta all’attesa sulle decisioni del Governo per il Quinto Conto Energia e il decreto sulle Rinnovabili Elettriche diverse dal Fotovoltaico, arriva una buona notizia per le imprese attive nel settore dell’edilizia sostenibile.

L’Unione Europea ha infatti rilanciato il bando che concede fino a 34,8 miliardi di euro per le imprese edili che sapranno introdurre invenzioni ecologiche, grazie alla ricerca.

Il bando Ue si chiama appunto “Eco-Innovation” ed è promosso dalla Commissione Europea con l’obiettivo di dare non solo nuova linfa vitale al settore ma anche un incentivo alla realizzazione di progetti edilizi eco-compatibili: dai sistemi di produzione, alla gestione delle risorse naturali, alla riduzione del volume di rifiuti.

Il bando è stato rinnovato a fronte dei successi ottenuti fino ad oggi, infatti «negli ultimi quattro anni il bando Eco-innovation ha aiutato oltre cento prodotti verdi innovativi a raggiungere il mercato.
Il programma mostra come il business possa aiutare le nostre economie a crescere in modo sostenibile dal punto di vista ambientale, una volta avuto il sostegno giusto», ha sottolineato il commissario UE all’Ambiente, Janez Potocnik.

Il tutto con un occhio di riguardo nei confronti delle PMI che il commissario UE incoraggia in particolare «a fare domanda di finanziamento», considerato che le piccole e medie imprese «hanno un ruolo vitale da giocare nel far avanzare l’economia dell’UE e l’anno scorso hanno fatto oltre il 65% delle richieste».

Le domande sono tutt’ora aperte e c’è tempo fino al 6 Settembre 2012 per richiedere gli incentivi partecipando al bando con un proprio progetto green.

Consulta il bando integrale sul sito Ue

I Video di PMI

Italia fuori dall’euro: le ragioni del sì e del no