Tratto dallo speciale:

Pagamenti PA: incompleto il recepimento della Direttiva UE

di Noemi Ricci

scritto il

Controfirmato il Decreto sul ritardo nei pagamenti dalla PA che recepisce la Direttiva UE, ma mancano le indicazioni per imprese edili e lavori pubblici: i nuovi obblighi e le esenzioni.

Il Decreto contro il ritardo nei pagamenti dalla PA, che recepisce la Direttiva Europea 2011/7/CE, è stato firmato dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano senza modifiche al testo: ufficiale, quindi, anche l’assenza di riferimenti ai lavori pubblici in Edilizia.

=> Leggi il DL sui pagamenti tra imprese in 30 giorni

Il testo del decreto – che vieta il ritardo nei pagamenti per le transazioni commerciali sia con la PA sia tra imprese private – entrerà in vigore non appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, facendo da apripista in Europa nel recepimento della Direttiva UE volta a limitare uno problemi più gravi che affliggono le imprese, già in difficoltà per la crisi economica.

Tempi e sanzioni

Per i contratti conclusi dal 1° gennaio 2013 in poi, Amministrazioni Pubbliche e imprese saranno obbligate a pagare fornitori e prestatori di servizi entro 30 giorni.

Alle PA della Sanità viene concessa una deroga a 60 giorni.

Trascorso tale termine si applicherà un tasso di interesse base maggiorato dell’8%.

=> Vedi le altre agevolazioni contro l ritardo nei pagamenti dalla PA

Edilizia esclusa dal DL?

Le regole si applicheranno a tutti i pagamenti nelle transazioni commerciali ma nel testo approvato dal CdM non c’è traccia dell’indicazione dell’UE di includere nelle direttive sui pagamenti anche la progettazione e l’esecuzione di opere e edifici pubblici ed i lavori di ingegneria civile:

Resterebbero quindi esclusi lavori pubblici e comparto edile. Eppure, come sottolineato da ANCE, Confindustria e Consiglio nazionale degli Architetti, le imprese edili sono tra quelle più afflitte dal ritardo nei pagamenti dalle PA per appalti pubblici:

=> Approfondisci: blocco dei pagamenti negli appalti pubblici

Ora non resta che attendere la pubblicazione in Gazzetta per sapere se il Governo ha inserito o meno tale indicazione.