Pensione usuranti e gravosi: cosa cambia?

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Marina chiede:

Sono operatore socio-sanitaria, attualmente per una RSA. Volevo sapere se la mia mansione rientra o rientrerà – previo accordo con i sindacati – nei lavori considerati gravosi per poter accedere all’anticipo pensionistico, visto che si svolge sui tre turni.

Le novità al momento in discussione per quanto concerne i lavori gravosi, riguardano la loro esclusione dagli adeguamenti alle aspettative di vita e non un diverso il perimetro per l’accesso all’APe. Ad oggi, il lavoro di operatore socio-sanitario non è necessariamente inserito fra quelli gravosi. La legge parla di “personale delle professioni sanitarie infermieristiche”: se dunque lei è infermiera o assiste persone non autosufficienti rientra fra le 11 categorie di lavori gravosi con diritto all’APe Social. Su questo punto le consiglio di chiedere ulteriori pareri (magari direttamente all’INPS).

=> Gravosi in pensione, gli esclusi

Se però il lavoro a turni prevede che faccia anche le notti (per rientrare nella platea ci devono essere almeno 64 notti lavorate nel corso dell’anno), può rientrare fra i lavori usuranti, che  sono esclusivamente quelli previsti dall’articolo 1 del dlgs 67/2011 che, alla lettera b, e comprendono coloro che fanno i turni di notte.

Tuttavia, gli usuranti sono trattati diversamente dai gravosi ai fini della pensione agevolata: gli addetti ai lavori usuranti non hanno infatti diritto all’APe sociale, come invece i lavoratori addetti a mansioni gravose (definite dall’allegato C alle legge di stabilità 2017, legge 232/2016).

L’agevolazione pensionistica per i lavori usuranti consiste nella possibilità di ritirarsi con la quota 97,6 nel caso dei lavoratori dipendenti, con almeno 61 anni e 7 mesi di età e 35 anni di contributi. Per il beneficio, le mansioni usuranti devono essere svolte per almeno 7 anni (compreso l’anno di maturazione dei requisiti) negli ultimi 10 di attività lavorativa, oppure per almeno la metà della vita lavorativa complessiva.

Risposta di Barbara Weisz

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Cerca tra quelle pubblicate oppure

Chiedi all'esperto