Superbonus e cessione credito in mini condominio con pratica unica o separata?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Davide chiede

Per un mini condominio indipendente composto da 3 appartamenti separatamente accatastati, con tre diversi proprietari, i lavori che riguardano l’intero edificio (con opzione di cessione del credito alla banca), occorre avviare 3 pratiche separate, ognuna per ogni proprietario per cessione credito e pagamento fatture?

Barbara Weisz risponde

La soluzione da lei ipotizzata mi sembra praticabile. Probabilmente non è l’unica, ritengono per esempio che vi possiate mettere d’accordo per fare un’unica pratica. Nel caso del condominio minimo, che non ha l’obbligo di nominare un amministratore, l’Agenzia delle Entrate (circolare 7/2017) prevede che i contribuenti, per beneficiare delle detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie su parti comuni dell’edificio, possano inserire nei modelli di dichiarazione le spese sostenute utilizzando il codice fiscale del condòmino che ha effettuato il relativo bonifico.

=> Condomini minimi ed ecobonus 110%

Analoga soluzione mi pare che possa essere praticata nel caso della cessione del credito da Superbonus. Anche il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dell’8 agosto 2020 che riguarda le comunicazioni al Fisco nei casi di sconto in fattura e cessione del credito, prevede che nel caso in cui non ci sia un amministratore, la Comunicazione possa essere inviata da uno dei condòmini a tal fine incaricato. Mi pare che, per estensione, essendo prevista la possibilità che ci si metta d’accordo per effettuare le pratiche fiscali tramite un unico condòmino, si possa fare la stessa cosa anche per le pratiche di cessione del credito.

In ogni caso, potete anche rivolgersi alla banca per capire quale possa essere la soluzione più agevole.