Tratto dallo speciale:

Pensioni, FAQ su cumulo contributi

di Barbara Weisz

scritto il

Cumulo dei contributi per la pensione, esteso alle casse dei professionisti: FAQ ente previdenziale Consulenti Lavoro.

Sistema di calcolo pensione utilizzato, periodi contributivi cumulabili per ottenere un assegno unico, zero costi dell’operazione, simulazioni fai-da-te per verificare se il nuovo cumulo dei contributi sia più conveniente o meno rispetto ad altri istituti come la totalizzazione o la ricongiunzione: sono le risposte alle principali domande (FAQ) pubblicate dall’ENPACL, ente previdenziale dei Consulenti del Lavoro, sul nuovo strumento che la Riforma Pensioni riserva anche agli iscritti alle casse dei professionisti.

=> Cumulo contributi pensione: istruzioni INPS

FAQ cumulo contributi

  1. Il cumulo dei contributi consente di utilizzare i periodi contributivi non coincidenti accreditati presso più gestioni al fine di ottenere un’unica pensione, composta di tante quote quante le gestioni interessate.
  2. Ogni ente calcola la sua utilizzando il proprio sistema di calcolo, vigente nei diversi periodi.
  3. La domanda si presenta all’ultimo ente pensionistico di appartenenza, nel periodo immediatamente precedente al raggiungimento dei requisiti pensionistici.
  4. Il cumulo dei contributi si può utilizzare sia per raggiungere la pensione di vecchiaia sia per agganciare quella anticipata.

Convenzienza

E’ più conveniente la ricongiunzione, la totalizzazione o il cumulo? La risposta dei consulenti del lavoro è che non si può affermare la convenienza di un istituto su un altro in termini assoluti:

«la ricongiunzione può implicare un onere per l’interessato mentre totalizzazione e cumulo sono gratuiti. Però la totalizzazione e il cumulo possono comportare requisiti di accesso al pensionamento più elevati, anche di 5 anni (pensione di vecchiaia anticipata)».

=> La totalizzazione dei contributi previdenziali

Applicazione

L’ENPACL sottolinea che il nuovo cumulo previsto dalla Riforma Pensioni mette in luce una serie di incongruenze per l’armonizzazione dei diversi sistemi, che sono in discussione anche tramite l’AdEPP, con i Ministeri competenti.

Sul cumulo è già intervenuta una circolare di prassi dell’INPS che però riguarda solo la previdenza INPS e forme sostitutive, non le casse professionali che saranno oggetto di specifico provvedimento. L’estensione del cumulo gratuito dei contributi ai professionisti è prevista dal comma 195 della Legge di Stabilità, che introduce anche la nuova possibilità, per tutti, di utilizzare il cumulo per la pensione anticipata (prima era consentito solo per la pensione di vecchiaia).

=> Ricongiunzione contributi: recesso limitato

C’è anche la possibilità di passare da una ricongiunzione o totalizzazione già in corso a una nuova richiesta di cumulo gratuito. Per quanto riguarda la ricongiunzione (comma 197), è possibile recedere da una precedente richiesta, con il rimborso di quanto eventualmente già pagato (la ricongiunzione è onerosa), solo se non è stato già perfezionato il pagamento. Questa opzione (passaggio dalla ricongiunzione al cumulo) deve essere esercitata entro la fine del 2017. Anche da una precedente totalizzazione è possibile recedere (comma 198), se non è ancora concluso il procedimento amministrativo.