A scuola di legalità su Internet

di Stefano Pierini

scritto il

Con il progetto "Il poliziotto, un amico in più", la Polizia di Stato coinvolge il mondo della scuola nell'educazione alla legalità e a un rapporto collaborativo con le forze dell'ordine.

E’ un concorso per educare alla legalità, che da più di 10 anni il Ministero dell’Interno indice in collaborazione con l’Unicef e il Ministero dell’Istruzione. Il progetto dal titolo accattivante “Il poliziotto, un amico in più” vuole far comprendere attraverso la costruzione di elaborati di vario genere il significato di polizia di prossimità. Si rivolge agli studenti che frequentano la scuola primaria, la secondaria di primo grado e il biennio della scuola secondaria di secondo grado.

La logica del progetto prende a modello le esperienze americane degli anni ’60 e quelle francesi degli anni ’80, con l’istituzione della polizia di comunità.

Prevenzione degli eventi, vicinanza e attenzione alle vittime, questi concetti vanno condivisi dai cittadini e pertanto necessita sensibilizzare i bambini e i ragazzi con una visione positiva e di collaborazione con le forze dell’ordine.

Quest’anno si è svolta la undicesima edizione e a giugno sono avvenute le premiazioni a Nettuno (Roma) presso l’Istituto per Ispettori della Polizia. Il tema era collegato al web con due distinte sezioni, una per la scuola primaria dal titolo “Attraverso il web, noi..”, con il compito di far riflettere i bambini, attraverso elaborati, arti grafiche e strumenti multimediali, su alcune regole per navigare in sicurezza.

L’altra sezione, riservata ai ragazzi più grandi si intitolava “Se noi fossimo l’agente Lisa”, un poliziotto virtuale, creazione della Polizia di Stato, che parla, informando i cittadini su vari progetti e iniziative sociali o bandi. Pertanto una sezione che si poneva l’obiettivo di stimolare i ragazzi a creare forum, progetti multimediali, dando spazio alla loro creatività e proponendo la loro idea di servizio di polizia di prossimità.

Per la prima sezione in ambito di opere letterarie, sono state premiate per la poesia “Il mio amico del Web” realizzato dagli alunni della classe 5^A scuola primaria “Gionchetto” – 2° Circolo Didattico di Latina, e l’istituto “Santa Maria della Croce” per l’elaborazione di cartellonistica interattiva. Nell’ambito della realizzazione di blog, per la seconda sezione, il premio è andato alla scuola media “Goffredo Petrassi” di Roma, con “Allievo Agente 0021” e, a pari merito, al  liceo scientifico di Città di Piero (Arezzo) per il blog “Allievo Agente Liceo Città di Piero”.

Oltre questi vincitori si può segnalare un progetto molto creativo, finalista a Roma e vincitore nella provincia di Genova per le scuole primarie di primo grado, con l’obiettivo di stimolare e guidare i bambini ad un uso corretto del web. L’istituto è il Don Bosco di Genova Sanpierdarena con la scuola “Albero generoso” che ha realizzato un computer con cartone da imballaggio riciclato, carta, caramelle di zucchero (per i tasti del computer) e tempera, con schede tecniche che riportavano le modalità per un uso sicuro di internet.

Un perfetto connubio fra gioco e utility, binomio perfetto per l’apprendimento in quella fascia di età!

I Video di PMI