Tratto dallo speciale:

Maternità  per le lavoratrici a progetto: la contribuzione figurativa

di Roberto Grementieri

scritto il

Da alcuni anni, il Ministero del Lavoro ha reso esecutiva (con decreto del 13 luglio 2007) l’estensione delle tutele di cui agli artt. 16, 17 e 22 del d.lgs. n. 151/2001 a favore dei lavoratori a progetto e delle categorie assimilate.
A seguito di tale previsione, l’INPS ha chiarito l’ambito soggettivo ed oggettivo di tale estensione.

La tutele in oggetto riguardano in primo luogo le lavoratrici a progetto, le collaboratrici coordinate e continuative, le associate in partecipazione e le lavoratrici autonome non iscritte ad una cassa previdenziale professionale.

Il comune denominatore di tali categorie di lavoratrici deve essere quello della iscrizione alla gestione separata INPS e della mancata iscrizione ad un’altra gestione previdenziale.

Restano escluse dalle tutele in oggetto le cosiddette mini co.co.co. e le collaboratrici in pensione.

Le tutele di cui si tratta riguardano anche i lavoratori padri appartenenti alle medesime categorie.

Preliminarmente, occorre osservare che tali tutele sono estese anche ai casi di adozione e affidamento di un bambino che non abbia superato i sei anni di età , oppure i 18 anni nell’ipotesi di adozione internazionale.

La prima tutela consiste nel divieto di adibire al lavoro le donne appartenenti alle suddette categorie: durante i due mesi precedenti la data presunta del parto, salvo i casi in cui è possibile lavorare fino ad un mese dal parto; ove il parto avvenga oltre tale data, per il periodo intercorrente tra la data presunta e la data effettiva del parto; durante i tre mesi dopo il parto; durante gli ulteriori giorni non goduti prima del parto, qualora il parto avvenga in data anticipata rispetto a quella presunta.

Tale divieto si estende anche a periodi di astensione anticipata che può essere emesso nei seguenti casi: nel caso di gravi complicanze della gravidanza o di preesistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza; quando le condizioni di lavoro o ambientali siano ritenute pregiudizievoli alla salute della donna e del bambino; quando la lavoratrice non possa essere spostata ad altre mansioni.

Le indennità  di maternità  consistono in: congedo per maternità , 80% di 1/365 del reddito da lavoro a progetto o assimilata, percepito negli stessi dodici mesi presi a riferimento per l’accertamento del requisito contributivo, come sopra individuato; congedo parentale, 30% di 1/365 del reddito da lavoro a progetto o assimilata, percepito negli stessi dodici mesi presi a riferimento per l’accertamento del requisito contributivo, come sopra individuato.

Nei periodi di congedo, a tali categorie di lavoratori verrà  accreditata la relativa contribuzione figurativa, che varrà  sia ai fini della maturazione, che della quantificazione del trattamento pensionistico.

A tal proposito, l’INPS chiarisce le modalità  di calcolo della contribuzione figurativa e quindi del numero dei mesi coperti da tali accrediti.

Il punto di partenza per tale calcolo, è il reddito medio di riferimento, che sarà  uguale al rapporto tra il reddito conseguito nell’anno di riferimento e il numero dei giorni non indennizzati nel medesimo anno.

Il reddito medio figurativo andrà  moltiplicato per il numero dei giorni indennizzati, ottenendo così la remunerazione figurativa.

Il reddito figurativo andrà  sommato a quello effettivo.
Tale somma andrà  tradotta in mesi di contribuzione figurativa ed a tal proposito occorrerà  ragguagliarla al minimale reddituale previsto per i lavoratori autonomi artigiani e commercianti che, per il 2010, è pari a 14.334.

Tuttavia: la copertura contributiva figurativa non può essere di durata superiore al periodo di assenza per maternità  o per congedo parentale per il quale è corrisposta la relativa indennità ; la contribuzione figurativa per il relativo periodo da coprire andrà  sommata, ai soli fini della misura della prestazione, in aggiunta a quella già  accreditata.