Tratto dallo speciale:

Rivalutazione pensioni verso la sentenza

di Barbara Weisz

scritto il

Corte Costituzionale, parere su meccanismo di rivalutazione pensioni a scaglioni (Legge Stabilità 2014, modificato dal Decreto Poletti) ma non su legittimità del provvedimento.

La sentenza sulla rivalutazione pensioni per scaglioni di reddito, questione affrontata dalla Corte Costituzionale il 5 luglio 2016, non riguarda la legittimità del Decreto Poletti sulla restituzione delle somme non rivalutate in seguito al blocco pensioni 2011: si riferisce però alla stessa legge che è stata cambiata con il Decreto Pensioni 2015. Vediamo esattamente di cosa si tratta.

All’attenzione della Consulta, un’ordinanza della Corte dei Conti dell’11 febbraio 2015, che trattava – oltre alla questione della legittimità del prelievo di solidarietà sulle pensioni d’oro (su cui la Corte si è pronunciata a favore) –  anche la nuova rivalutazione a scaglioni, più sfavorevole della precedente (pubblicazione sentenza, prevista entro l’estate).

=> Pensioni d’oro: Consulta conferma prelievo

Di che cosa si tratta? L’articolo 34, comma 1, della legge 448/1998 applicato al caso del ricorrente prevedeva la rivalutazione automatica delle pensioni al 100%, 75%, 50 e 40% a seconda del reddito. Il meccanismo è stato rivisto dal Decreto Poletti di rimborso pensioni 2015, che ha cambiato le soglie: si rivalutazione:

  • 100% fino a tre volte il minimo,
  • 40% fra 3 e 4 volte il minimo
  • 20% fra 4 e 5 volte il minimo
  • 10% fino a 6 volte il minimo.

Nessuna perequazione per le pensioni più alte nel triennio 2014-2016.

=> Rimborso pensioni: decreto a rischio costituzionalità

Il 5 luglio, la Corte si è dunque occupata della questione “rivalutazione automatica” delle pensioni – norma contenuta nella Legge di Stabilità 2014 (comma 483 del legga 147/2013) – ma non ha espresso alcun giudizio di costituzionalità sul decreto di rimborso pensioni (diverse ordinanze chiedono un pronunciamento).